Il carcinoma del colon retto, un convegno per aggiornare i medici con il programma

L’approccio multidisciplinare integrato è la migliore garanzia di qualità e di efficienza del percorso diagnostico-terapeutico e assistenziale (PDTA) per i pazienti

Colon retto

Il cancro del colon-retto è il secondo tumore per frequenza dopo quello della mammella, ed una delle più comuni cause di morte per tumore in Italia. Nelle Marche le stime epidemiologiche parlano di circa 850 nuovi casi di tumore al colon-retto nella popolazione maschile e 650 in quella femminile nel 2018. Circa il 25% dei pazienti con cancro colorettale presenta metastasi alla diagnosi e circa il 50% svilupperà metastasi in una fase successiva. E’ importante quindi una diagnosi precoce per permettere una terapia chirurgica curativa. Lo screening del tumore del colon-retto mediante la ricerca del sangue occulto fecale è in grado di ridurre la mortalità di ben il 25%.

La copertura del programma di screening per i tumori del colon-retto nelle Marche è complessivamente del 58,6% (indagine PASSI), un valore ben più alto rispetto al dato nazionale (45,5%). Tuttavia, una parte rilevante dei marchigiani ancora si affida allo screening spontaneo (pagando il ticket). Occorre quindi incentivare l’adesione dei marchigiani allo screening organizzato dalla Regione, che è gratuito e garantisce un percorso diagnostico-terapeutico con un attento monitoraggio della qualità delle prestazioni erogate. L’approccio multidisciplinare integrato è la migliore garanzia di qualità e di efficienza del percorso diagnostico-terapeutico e assistenziale (PDTA) per i pazienti affetti da neoplasia del colon-retto e permette di raggiungere un trattamento personalizzato sulla base delle caratteristiche biologiche della malattia e delle condizioni specifiche del singolo individuo.

L’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona è orientata a gestire i propri pazienti per processi attraverso l’impiego dei PDTA. Ogni anno infatti, la Direzione aziendale aggiorna il proprio repertorio dei PDTA operativi con nuovi percorsi e/o revisiona quelli già presenti. Questa intensa attività di gestione per processi diagnostico-terapeutico-assistenziali ha portato al conseguimento di un risultato unico a livello nazionale: la certificazione secondo la norma ISO 9001:2015 rispetto alla sua capacità di realizzare percorsi di cura e di erogarli, a garanzia della qualità dell’assistenza fornita ai suoi pazienti. In altre parole, gli “Ospedali Riuniti” di Ancona da settembre 2018 sono integralmente certificati per Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali. Il PDTA del tumore del colon-retto riveste un ruolo centrale. Questa importante esperienza, che verrà presentata il 27 ottobre prossimo, rappresenta un fondamentale punto di partenza per la nostra organizzazione attraverso il quale misurare ed incrementare i propri elementi di valore e al tempo stesso gestire e quindi ridurre gli elementi critici del sistema.

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento