Vaccini, Pergolesi (M5S): “Nelle Marche rischio esclusioni illegittime di bambini da nidi e materne”

La consigliera regionale Romina Pergolesi del M5S Marche interviene nuovamente sul tema della corretta applicazione del decreto vaccini

Foto di repertorio

“Ho inviato una nota all’Ufficio Scolastico Regionale nella quale ho ricordato che, ai sensi della legislazione vigente, la scadenza del 10 marzo riguarda solamente i bambini per i quali, ad inizio anno, è stata presentata un’autocertificazione attestante l’avvenuta vaccinazione. Non devono perciò essere attivate esclusioni di bambini che, seppur non ancora vaccinati, hanno ancora in corso iter aperto con l’azienda sanitaria e per i quali i genitori hanno regolarmente inviato alla scuola una copia della formale richiesta di appuntamento all’ASUR”.

“Da numerose segnalazioni che mi sono pervenute – continua la Pergolesi – mi risulta che nella nostra regione vi siano delle situazioni di genitori che corrono il rischio di vedere esclusi i propri figli da nidi e materne, nonostante siano perfettamente adempienti con la legislazione vigente ed abbiano presentato la formale richiesta di prenotazione per la vaccinazione nei termini previsti. Temo ciò possa essere stato indotto anche da una circolare dell’Ufficio Scolastico regionale, la n.626 del 14.01.2019, non pienamente conforme con le disposizioni previste dalla Legge 21 settembre 2018 , n. 108 e da quelle precedenti, imponendo il 10 marzo come termine ultimo per documentare l’avvenuta effettuazione delle vaccinazioni anche a coloro che hanno presentato formale richiesta di appuntamento all’ASUR.  

La nota della Pergolesi chiede al Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale delle Marche di verificare la piena aderenza delle disposizioni del suo USR con quanto previsto dalla legislazione, nonché di intraprendere ogni azione di monitoraggio e controllo nei confronti dei propri dirigenti affinché vengano evitate possibili esclusioni in situazioni invece perfettamente adempienti in rispetto della legge vigente.

“Ho inviato inoltre copia dell’Istanza anche al Ministro dell’Istruzione ed ai competenti uffici ministeriali affinché attivino le loro prerogative di vigilanza e controllo nei confronti degli uffici periferici, al fine di scongiurare provvedimenti illegittimi o potenzialmente vessatori e violazioni dei diritti di bambini e famiglie.” - conclude la Pergolesi - “Mi sono sempre occupata di questo argomento interessandomi soprattutto al rispetto dei diritti e vorrei evitare che in questo passaggio della cosiddetta deadline del 10 marzo questi vengano nuovamente violati o compressi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento