Decreto vaccini, Pergolesi (M5S): «Rischio esclusioni illegittime da nidi e materne»

Così Romina Pergolesi, consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle, sul decreto vaccini dell'ex Ministro Beatrice Lorenzin

Romina Pergolesi

«Ho predisposto un’azione stragiudiziale da inviare a Ufficio Scolastico Regionale e Dirigenti scolastici affinché il già pessimo Decreto Lorenzin, convertito in legge lo scorso agosto, non venga ulteriormente peggiorato nella sua attuazione». Esordisce così Romina Pergolesi, consigliere Regionale del Movimento 5 Stelle, sul decreto vaccini della Lorenzin.

«Ci risulta, infatti, che nella nostra regione vi sia la seria possibilità di un’illegittima interpretazione del dettato normativo, in forza di una circolare ministeriale attuativa congiunta MIUR-Ministero della Salute del 27 febbraio 2018. In particolare, esiste il rischio concreto di esclusione da nidi e materne anche di bambini per i quali a settembre i genitori avevano presentato, per l'accesso, copia di richiesta di appuntamento/colloquio all'ASL, prendendo a scadenza per il compimento delle vaccinazioni la data del 10 marzo 2018 o altre date NON indicate nelle norme primarie (DL 73/2017 come convertito dalla L.119/2017; Art. 18 ter della L. 172/2017). Si sta perciò preannunciando il rischio di soprusi ed abusi con illegittime esclusioni dalle scuole e con forzature al di fuori e ben peggiori di quanto previsto dalla già pessima norma: comprovata giurisprudenza, infatti, chiarisce inequivocabilmente che le circolari amministrative, in quanto atti di indirizzo interpretativo, non sono vincolanti per i soggetti estranei all’amministrazione, mentre per gli organi destinatari sono vincolanti solo se legittime. Ricordo inoltre che ulteriore giurisprudenza sancisce che i pubblici funzionari non risultano esentati dall’obbligo di interpretare correttamente le norme primarie in sede di applicazione in base alle disposizioni in esse esattamente contenute».

«Per tale ragione - conclude - invierò a Dirigenti Scolastici, ASUR e Ufficio Scolastico Regionale un atto formale con il quali intendo rendere ufficialmente edotti i funzionari coinvolti delle criticità sopra evidenziate, richiamando ognuno alle proprie responsabilità personali, al fine di impedire che una legge che ritengo inutile e senza senso possa essere persino peggiorata nella sua attuazione. Ho inoltre predisposto un analogo atto di messa in mora nei confronti del Ministero della Salute e del MIUR affinché provvedano immediatamente alla revoca ovvero alla cessazione degli effetti della circolare del 27 febbrazio 2018 nonché di ogni altro atto in contrasto con le leggi primarie vigenti. Tutto ciò al fine di evitare che disposizioni di carattere attuativo in possibile contrasto con le leggi provochino confusione fra cittadini ed all’interno degli uffici competenti, ovvero danno ingiusto o pregiudizio alle famiglie, oltreché una marea di contenziosi che, presumibilmente, possono ingenerarsi in caso di abusi o cattive applicazioni delle norme».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Macabra scoperta al cimitero, neonato mummificato trovato sopra una bara

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

  • Allarme meningite, maestra in gravi condizioni: scatta la profilassi a scuola

Torna su
AnconaToday è in caricamento