Ceriscioli incontra Unione Ciechi ed Ente Sordomuti: «Sostegno a chi assiste i disabili sensoriali»

Una Delegazione dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti delle Marche con l’Ente Nazionale Sordi delle Marche ha incontrato il Presidente della Regione Ceriscioli e il Dirigente del Servizio Politiche Sociali e Sport Santarelli

Incontro caldo, ieri mattina. Una delegazione composta dai Dirigenti dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti (UICI) delle Marche e dell’Ente Nazionale Sordi delle Marche, insieme con la Referente regionale UICI dei Genitori, ha incontrato il Presidente della Regione Luca Ceriscioli e il Dirigente del Servizio Politiche Sociali e Sport, Giovanni Santarelli, per chiedere risposte certe e definitive riguardo alla questione della trascrizione dei testi scolastici e all’assistenza didattica domiciliare per alunni disabili sensoriali.

La Presidente dell’UICI Marche, Alina Pulcini, ha esposto a Ceriscioli i disagi che si sono venuti a creare dopo che gli Ambiti Territoriali hanno deciso di non autorizzare la trascrizione dei testi scolastici per i ragazzini con disabilità visiva, senza che la Regione assicuri agli stessi l’erogazione dei fondi necessari. “Tutto ciò porterà a forti ritardi nella stampa dei testi scolastici che ormai non saranno comunque pronti prima di novembre — è intervenuta Pulcini —; inoltre, per quanto riguarda il servizio di assistenza domiciliare, per gli alunni con disabilità sensoriale, le famiglie vivono nell’incertezza giacché, dovendo anticipare le spese per assicurare ai propri figli questo indispensabile supporto, non sanno quando verranno a loro rimborsate le stesse”. “Chiediamo quindi risposte ufficiali su queste due questioni — ha concluso la Presidente dell’UICI Marche — in modo che le famiglie possano essere rassicurate e che i nostri ragazzi possano essere messi in grado, fin dall’inizio dell’anno scolastico, di poter studiare con il supporto a loro necessario”.

“Gli Ambiti Territoriali, a cui è stata delegata la gestione dei servizi in questione, debbono garantire gli stessi indipendentemente dalla disponibilità finanziaria della Regione – la risposta di Luca Ceriscioli – così come avviene per tutte le altre branche dei servizi sociali, come case di riposo, asili nido, ecc.”.

“Noi come Regione vogliamo comunque dare stabilizzazione al servizio di sostegno alle famiglie che assistono disabili sensoriali. E’ fondamentale il loro grande ruolo di cura che favorisce lo sviluppo di una società migliore”. Poi, sulla tempistica di finanziamento, il Presidente ha ribadito che i ritardi sono dovuti ai tempi con cui tali fondi vengono resi disponibili dallo Stato - generalmente a fine anno - e che non appena possibile saranno trasferiti agli ATS come contributo regionale per l’acquisto dei libri di testo in braille e per l’assistenza domiciliare. I rappresentanti UICI, dal canto loro, sostengono però che i referenti degli Ambiti territoriali continuano a non autorizzare le trascrizioni in virtù del fatto che non hanno dalla Regione la rassicurazione di ricevere i fondi necessari. Alla fine dell’incontro, il Presidente ha comunque assicurato che avvierà una comunicazione agli stessi Ambiti per puntualizzare che sono loro i titolari del servizi e che spetta ad essi l’erogazione dello stesso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento