Tari, Jesiamo: «La sinistra si è svegliata ma sbaglia mira»

«Sull’affermazione relativa ai presunti sconti applicati in tariffa alle banche è la prima volta che un esponente del PD cittadino si pronuncia sugli Istituti di credito dopo la vincenda di Banca Marche»

«Dovrebbe essere la sinistra jesina, con il partito democratico in testa, a fornire spiegazioni ai cittadini circa l’aumento della TARI invece di chiederlo all’amministrazione Bacci». Così i Gruppi Consiliari Jesiamo e Jesinsieme.

«Grazie alle scelte scellerate da noi più volte sottolineate dell’ambito provinciale ATA, a guida PD , si è passati ad uno smaltimento rifiuti, in particolare l’organico, su base extra regionale con conseguente aumento dei costi da ripartirsi inevitabilmente in capo ai singoli cittadini.
Ricadute negative che superano i benefici, anche economici, di un’attenta e crescente politica di raccolta differenziata che vede come prossimo step quello del coinvolgimento su tale strada della zona industriale della città. Sull’affermazione relativa ai presunti sconti applicati in tariffa alle banche, proveniente dal Consigliere Binci, è la prima volta che un esponente del PD cittadino si pronuncia sugli Istituti di credito dopo le ormai arcinote vicende di Banca Marche, con protagonisti in negativo azionisti e correntisti che hanno ricevuto il silenzio assordante del Partito Democratico. Meglio tardi che mai».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si annoda una corda al collo e si lascia andare: vigile del fuoco trovato morto in casa

  • E' morto Renzo Castellani: era il compagno della consigliera 5 Stelle Romina Pergolesi

  • Pizzeria a fuoco in piena notte, giallo sulle cause: chiusura forzata e danni ingenti

  • Apre la nuova scuola di danza, Andreas e Veronica insegnanti d’eccezione

  • La mamma ritrova il suo portafoglio, dentro c'erano i documenti del figlio ricoverato al Salesi

  • Il furgone sbanda e travolge un'auto, donna bloccata tra le lamiere

Torna su
AnconaToday è in caricamento