Crisi: Ucchielli pone l’aut-aut, Favia dice no. Cala il sipario sull’accordo

Favia non ci sta e salta l'ennesimo tavolo dei segretari, ormai le elezioni sembrano sempre più inevitabili. Sfumata anche l'ipotesi "listone": non ci sarebbero i 21 sì necessari

Il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano

La sicurezza del segretario regionale democratico Palmiro Ucchielli sull’esito positivo del summit dei segretari di ieri si è trasformata ben presto in un irritato aut-aut per i dipietristi guidati dall’onorevole David Favia: "ci dica se sono fuori o dentro". Immediata e senza appello la risposta dell’Idv: "il documento presentato non contiene nessuna delle nostre richieste, è irricevibile".
Cala dunque il sipario sulla possibilità dell'accordo, e a poco vale il (tardivo) appello dell'Udc a salvare un “modello Marche” (Pd-Idv-Udc), che allo stato dell'arte appare quanto mai improbabile.
Ucchielli è molto chiaro, le decisioni prese ora avranno una ricaduta anche nell'immediato futuro: “chi non è con noi oggi, non può stare insieme a noi alle prossime elezioni”, è la frase riportata sul Messaggero.

Sfuma anche l'ipotesi “listone”, la speranza di Gramillano di trovare una maggioranza consiliare di 21 firme è evaporata insieme al voto di fiducia: Fiorello in aula non torna, a meno che – a dispetto di tutte le apparenze – non salti fuori dal cilindro l'ormai famigerato accordo politico. Ma a quel punto gli elettori capirebbero?

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si annoda una corda al collo e si lascia andare: vigile del fuoco trovato morto in casa

  • Pizzeria a fuoco in piena notte, giallo sulle cause: chiusura forzata e danni ingenti

  • Nuovo caso di Dengue in città, scatta l'allerta: «Finestre chiuse e animali in casa»

  • E' morto Renzo Castellani: era il compagno della consigliera 5 Stelle Romina Pergolesi

  • Apre la nuova scuola di danza, Andreas e Veronica insegnanti d’eccezione

  • La mamma ritrova il suo portafoglio, dentro c'erano i documenti del figlio ricoverato al Salesi

Torna su
AnconaToday è in caricamento