Anche Cobas contro CasaPound

«Non possiamo non notare come questa concessione avvenga sotto l'azione di un governo esempio del fascismo dei populismi»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Con sconcerto abbiamo appreso dagli organi di stampa che il 6 ottobre 2018 vi sarà l'inaugurazione della sede di Ancona di Casapound, evento a cui interverrà addirittura il segretario nazionale dell'organizzazione Simone Di Stefano. Sconcerto e preoccupazione motivati dal vedere come oggi l'antifascismo, fondamento della nostra Costituzione Repubblicana, sia ridotto a mero simulacro, dato che si consente ad una organizzazione che si caratterizza per una esplicita apologia del fascismo, - seppur mutato nelle forme di un fascismo del nuovo millennio, in cui il migrante ha sostituito l'ebreo - , di svolgere attività politica nel nostro territorio. I Cobas sono radicalmente contrari alla apertura di una sede da parte di una organizzazione dichiaratamente xenofoba che si richiama al fascismo, perché la sola presenza di una tale organizzazione nel composito tessuto sociale della nostra città, ed in particolare del quartiere in cui tale sede si collocherà, può innescare gravi tensioni sociali non facilmente controllabili.

E non possiamo non notare, con estrema preoccupazione, come questa improvvida concessione di licenza politica ai neofascisti avvenga oggi sotto l'azione di un governo che è un fulgido esempio del fascismo dei populismi; un governo che nel decreto-sicurezza accoglie e fa proprie molte delle rivendicazioni xenofobe di Casapound: dall'abolizione della protezione umanitaria all'estensione temporale del trattamento nei Cpr, dalla restrizione del sistema di accoglienza all'esclusione dal registro anagrafico dei richiedenti asilo. Convinti che sia oggi più che mai necessario uno sforzo comune per riaffermare il principio fondante dell'antifascismo e il valore storico della Resistenza contro la deriva xenofoba e razzista in cui sta cadendo il nostro paese e il nostro territorio, i Cobas sono al fianco di tutte quelle organizzazioni antifasciste e ai tanti cittadini che hanno espresso la loro contrarietà alla presenza di Casapound per ribadire che Ancona è, ancora oggi, più che mai antifascista.

Cobas-Comitati di Base della Scuola delle Marche

Torna su
AnconaToday è in caricamento