Politica: l’accordo non c’è, verso le dimissioni

Favia gela tutti: "Non va bene niente". Scade domani il termine ultimo per il sindaco Gramillano per rassegnare le dimissioni. Il Pd: "Se non c'è accordo ti dimetti"

Fiorello Gramillano

È arrivato al tavolo anti-crisi solo dopo le 19 il leader Idv David Favia, in ritardo da Roma a causa del maltempo che sta funestando tutto lo stivale (e da oggi anche Ancona).
Ma non ha avuto bisogno di molto tempo per scorgere rapidamente il documento del Pd e gelare tutti con un lapidario: “Non va bene niente”. I nodi sono sempre gli stessi: bilancio a sostegno del lavoro, risoluzione ex Metro per pagare i lavori a Piazza Cavour, progetto per Piazza Pertini, sistema parcheggi, fusione tra Muse e Stabile, aggregazione delle partecipate. Anche il sospetto, in casa Idv, è sempre lo stesso: che il sindaco azzeri la giunta per poi riconfermarla quasi per intero.

L’incontro di ieri insomma non ha portato nessuna novità e il Pd è stato perentorio: o accordo o dimissioni. Il termine ultimo per gettare la spugna e andare alle urne (se non si vuole vedere la città commissariata) è domani. A questo punto lo scenario più probabile diventa quello delle dimissioni di Fiorello Gramillano, che daranno a tutti 20 giorni di tempo (tanto c’è per ritirarle prima che abbiano effetto) per trovare – stavolta sul serio – il modo di andare tutti d’accordo.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • C'è l'esito dell'autopsia di Giuliano e un indagato: è il conducente del furgone

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Il titolare ubriaco serve i clienti, il questore chiude il bar: «Ritrovo di pregiudicati»

  • Addio a Attilio Sciarrillo, titolare della farmacia di via Ascoli Piceno

Torna su
AnconaToday è in caricamento