Riaprire i centri semiresidenziali, approvato dalla giunta il piano territoriale

Prima della riattivazione del servizio, inoltre, gli operatori e gli assistiti dovranno essere sottoposti a screening per accertamento della positivita' da Covid-19

ANCONA - Impegnate nella gestione di questi protocolli saranno le Unita' operative sociali e sanitarie (Uoses): i responsabili delle strutture o i loro coordinatori dovranno attenersi a una serie di misure per la prevenzione del contagio e la riorganizzazione dei servizi, che comprendono le verifiche preliminari sullo stato di salute dei pazienti, la regolamentazione degli accessi, l'uso obbligatorio dei dispositivi di protezione (minimo mascherine e guanti), l'attivazione di spazi per la vestizione e svestizione degli operatori, la costante disponibilita' di gel disinfettanti o idralcolici per utenti e operatori e la formazione degli assistiti sulle norme di igiene da tenere. Prima della riattivazione del servizio, inoltre, gli operatori e gli assistiti dovranno essere sottoposti a screening per accertamento della positivita' da Covid-19 da parte dell'Area Vasta competente per territorio e per gli stessi dovra' essere programmato uno screening periodico con cadenza almeno mensile. «Si tratta- conclude il presidente Anci Marche, Maurizio Mangialardi- di un tema particolarmente delicato al quale abbiamo lavorato per contribuire alla redazione di un protocollo condiviso. Gli Ambiti territoriali sociali svolgono un servizio prezioso per l'individuazione e la gestione delle fragilita' e questa attivita' e' un elemento fondamentale oggi che ci sono le condizioni per aver fatto ripartire le attivita' economiche e che risulta di particolare importanza ripristinare i servizi di sostegno a tutti coloro che necessitano di assistenza».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Approvato in giunta il Piano territoriale per la riapertura graduale dei Centri semiresidenziali sanitari e sociosanitari delle Marche, nella fase 2 dell'emergenza Covid-19. Il documento e' stato concordato con Asur, enti gestori, organizzazioni sindacali e Anci e contiene, tra le altre cose, le misure per la prevenzione del contagio, le procedure per l'accesso graduale ai centri semiresidenziali sanitari e sociosanitari per persone disabili, anziane e affette da disturbi mentali. «L'attenzione ai servizi dedicati alle persone piu' deboli e' sempre stata una nostra priorita'- afferma in una nota il presidente della Regione, Luca Ceriscioli-. Riapriamo dunque ma garantendo tutte le condizioni di sicurezza per i pazienti, per gli operatori e per le famiglie. I nostri servizi hanno curato i protocolli nei piu' minimi dettagli, dimensionando tutte le procedure sia in relazione agli utenti, compresi i casi e le situazioni che necessitano di trattamenti particolari e individuali considerata, sia in relazione alle strutture che li accolgono».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

  • Lidl continua a crescere, nuovo punto vendita ad Ancona e 6 assunzioni

  • I-Beach, la nuova App per prenotare un posto al mare: ecco come funziona

Torna su
AnconaToday è in caricamento