Punto nascita di Fabriano, Ceriscioli chiede una deroga al ministro Grillo

«La Regione continuerà a tenere aperto il reparto se ci arriverà la deroga, permetteremo ancora a quel territorio di avere un servizio a portata di mano»

«Due anni fa la Regione ha chiesto al Ministero della Salute la deroga per il punto nascita dell'ospedale di Fabriano. Reparto  al quale abbiamo garantito medici, servizi h24 e tecnologie, per dare a mamme e bambini la massima sicurezza. L’unico problema restava quello del numero: 300 parti all’anno sono inferiori ai 500 previsti per legge». Così il presidente della Regione Luca Ceriscioli sul punto nascita dell’ospedale di Fabriano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Solo per questo aspetto abbiamo chiesto la deroga. Dopo due anni è arrivata la risposta dal Ministero, inaspettata, che anziché darci la deroga ce la nega, mettendo a rischio il punto nascita. Senza questa deroga non è possibile continuare. Non ci basta la riposta del direttore generale del  Ministero noi vogliamo l’intervento del Ministro perché crediamo che quegli aspetti legati al sisma, alle aree interne, a un’area di crisi complessa, meritino attenzione politica visto che non ci sono altri temi se non la numerosità. Quindi aspettiamo di ricevere la risposta del Ministro. La Regione continuerà a tenere aperto il reparto se ci arriverà la deroga, permetteremo ancora a quel territorio di avere un servizio a portata di mano. Se la deroga non dovesse arrivare non avremo altre alternative che chiudere. Non possiamo dare questa responsabilità agli operatori sanitari della struttura che in questi anni se la sono presa senza una copertura di chi invece ha il dovere di valutare lo stato dei punti nascita e di concedere la deroga quando ce la meritiamo. E noi, l'ospedale di Fabriano e i cittadini di quel territorio ce la meritiamo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Orrore davanti al mercato: uomo trovato morto in strada dopo un tragico volo

  • Rompono le recinzioni per andare al mare, la passeggiata costa cara: 400 euro a testa

  • Dati sempre più allarmanti, Marche tra le regioni con più morti e positivi al Coronavirus

  • «Vado a prestare i soldi ad un amico», i vigili gli fanno il terzo grado e lui si contraddice

  • Città vuota per l'emergenza, sfrecciano col Suv e oltre 1 etto di cocaina purissima

Torna su
AnconaToday è in caricamento