Ridare alla città un bene perduto, Rabini: «Riapriamo la piscina delle Tre Querce»

«Far rivivere l'impianto al coperto della piscina, che da troppo tempo è chiuso e langue in una situazione di abbandono»

Piscina Tre Querce ormai in abbandono

Lorenzo Rabini, Capogruppo di “Operazione Futuro”, lancia un'iniziativa eclatante, ma assolutamente affascinante per Camerano, vale a dire la riapertura della piscina al coperto all'interno dell'immobile dell'Albergo “Tre Querce”. «In questi mesi – dichiara Rabini – ho parlato a lungo con il mio caro amico Marco Ferri, figlio del proprietario del “Tre Querce” il quale mi ha espresso uno dei suoi grandi desideri, quello appunto di far rivivere l'impianto al coperto della piscina, che da troppo tempo è chiuso e langue in una situazione di abbandono».

«In effetti – continua Rabini – per Camerano quella piscina ha rappresentato in particolar modo negli anni '70 e '80 una grande risorsa sociale, sportiva e turistica, all'epoca una delle poche e belle piscine al coperto, un impianto che richiamava tanta gente e che dava lustro alla stessa Camerano. Ora, al netto di sentimentalismi e di ricordi che danno comunque sempre un valore particolare alla questione, credo che sia invece serio rilanciare la proposta di riapertura dell'impianto, ragionando con la proprietà e con le Istituzioni pubbliche, primo fra tutti il Comune, per costruire un percorso che davvero possa far ripartire la piscina al coperto. Per la verità la disponibilità del Sindaco Annalisa Del Bello ad affrontare seriamente la proposta, è un dato di fatto, nel senso che sia con la stessa proprietà che con il sottoscritto, il Sindaco ha mostrato forte interessamento e l'argomento sarà anche oggetto di una prossima Conferenza dei Capigruppo. C'e' ovviamente bisogno di formare un tavolo tecnico per capire tutte le necessità che un eventuale progetto ha bisogno,  a partire dagli aspetti economici e di gestione. La sinergia tra pubblico e privato ed il contributo delle Istituzioni sportive e del credito, dovranno essere alla base di questo percorso».

«Dobbiamo dare cuore e cervello a questo bel progetto di sport e turismo - conclude - perchè sono convinto che si possa ridare a Camerano l'impianto natatorio con tutto quello che ne può conseguire per l'afflusso di sportivi, i corsi dedicati ai disabili, le collaborazioni con le istituzioni scolastiche, crescita turistico-commerciale, il tutto in una struttura che vede oggi nello stesso sito, un Albergo molto noto  il “Tre Querce “ appunto, un Ristorante che sotto la guida dello chef Saverio Dechiara sta riscuotendo molto successo, e, da poco inaugurati, dei bei locali proprio adiacenti alla piscina chiusa, dello Juventus Club di Camerano; sono fiducioso, sono convinto che esistono molte difficoltà, ma se l'interesse generale è quello di lavorare per la riapertura, gli ostacoli potranno essere superati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento