La piazza delle Palombare è costata di più: maggiorazione di quasi 100mila euro

Il conto è stato presentato dal consigliere della Lega Antonella Andreoli. Tutti i motivi della maggiorazione spiegati in aula dall'assessore insieme al futuro dei parcheggi

Foto di repertorio

La piazzetta delle Palombare è costata quasi 100 mila euro in più rispetto all’importo iniziale e il consigliere della Lega Antonella Andreoli ha chiesto il perché durante l’ultimo consiglio comunale. Un report sui costi, previsti e poi variati, ma anche un focus sul presente e sul futuro dei parcheggi ritenuti insoddisfacenti per le esigenze di residenti e commercianti. La risposta è arrivata dall’assessore alle manutenzioni Stefano Foresi, che ha letto in aula un documento inviato dall’assessore ai lavori pubblici Paolo Manarini assente per motivi personali. 

Costi e varianti

Il resoconto ha illustrato che il progetto esecutivo prevedeva un importo complessivo di 1.030.000 euro, di cui 780.359,57 per lavori e 249.640 per “somme a disposizione dell’amministrazione”. L’offerta al ribasso della ditta aggiudicataria aveva portato l’importo contrattuale a 645.578 euro più iva, ma dopo la perizia di variante la somma era salita a 737.016 euro: una maggiorazione di 91.437 euro. Una variazione dovuta a «modifiche non sostanziali alle opere previste nel primo progetto, finalizzate al miglioramento dell’opera e alla sua funzionalità». Nello specifico, si tratta di modifiche dovute al ritrovamento di sottostrutture «impossibili da individuare correttamente durante i sondaggi preliminari», maggiori opere richieste dai gestori dei servizi in merito a canalizzazioni e cavidotti, incremento delle opere di drenaggio, nuovo materiale per il livellamento dei piani della piazza. Altre modifiche sono legate a lavorazioni ex novo come l’aumento dello spessore della pavimentazione drenante per renderla carrabile su quasi tutta la piazza e installare temporanee attrezzature per feste e manifestazioni. L’aumento del costo è dovuto anche alla realizzazione di un vano tecnico per ospitare i contatori delle varie utenze e l’idrante, c’è poi l’ampliamento del marciapiede davanti al nuovo fabbricato voluto per «migliorare l’uso della cassetta dell’acqua e come luogo sicuro di attesa del bus». In ultimo c’è «l’integrazione dei giochi con siti ludici “campana e dama” realizzati nella pavimentazione drenante» e l’aggiunta di finiture di sedute circolari. 

I parcheggi 

La Andreoli ha sottolineato come il parcheggio della ditta “Cagnoni” risenta della mancanza di sufficienti posti auto. Il Comune ha risposto che, oltre ai 28 posti disponibili su via Cipolloni, sarà possibile realizzare altri 16 posti lungo la parallela via Amurri. I posti totali in zona diventerebbero dunque 44 che, sommati ai 26 della piazza porterebbero a 70 i posti fruibili. Tra via Barilatti e l’incrocio di via Amurri inoltre c’è l’ipotesi di realizzare ulteriori 100 posti: «qualora fosse verificata una dotazione insufficiente». 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • Ragazza annegata a Marina Dorica, sigilli sulla discoteca che le aveva dato da bere

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

Torna su
AnconaToday è in caricamento