Nuova Senigallia: “Parcheggiatori abusivi, il fenomeno si può contrastare”

“Per una Amministrazione non è difficile dire al Comandante della Polizia Municipale di controllare tutti i giorni i parcheggi facendo stazionare i Vigili Urbani in loco”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

I “Parcheggiatori Abusivi” sono uno dei tanti problemi di Senigallia ai quali non c’è verso di sperare che questa Amministrazione ponga rimedio. A nulla valgono le inutili parole, che non corrispondono neanche alla realtà, servirebbero i fatti, ma di fatti neanche l’ombra…

“Gli stranieri nei parcheggi sono vittime di un sistema” dice il Sindaco in una intervista, frase completamente non corrispondente al vero. Gli stranieri tutti sono vittime di una politica mascherata di perbenismo che pensa solo a “fare cassa” sulla loro pelle, perché questa è la verità. Repubblica.it (notoriamente una fonte di sinistra) così scrive: “Più ne stipano in una camerata meglio è, più a lungo restano meglio è, e se sono minorenni ancora meglio, lo Stato paga di più. Ad ogni barcone che arriva, i "professionisti dell'accoglienza" mettono mano alla calcolatrice e le cifre hanno sempre molti zeri. Più di 1.800.000 euro al giorno: tanto, nel 2013, ha speso l'Italia per garantire l'accoglienza ai 40.244 migranti sbarcati sulle nostre coste. Un letto, i pasti, il vestiario, i farmaci necessari e un minimo di pocket money: 45 euro al giorno è la spesa media per ogni immigrato che mette piede in uno dei 27 tra centri di accoglienza, centri di identificazione ed espulsione e centri per richiedenti asilo. Una cifra che aumenta fino a 70 euro se si tratta di minori (8.000 quelli arrivati quest'anno) in considerazione della particolare assistenza che dovrebbe essere loro garantita”.

Quindi il business è garantito, tutte le altre parole di buonismo sono solo delle gran belle bugie. Il “sistema” è stato volutamente creato per far fare cassa a “qualcuno”, ed è palese che a Senigallia non ci sia la benché minima intenzione di mandarli via. Tanto danno fastidio ai Cittadini non a Voi politici, per Voi sono un “ritorno” economico e in voti. Ecco quindi che la nostra Amministrazione non ha nessun interesse nel risolvere il problema dei parcheggi e della spiaggia, se no le cooperative e le associazioni tutte come fanno a guadagnarci?

“La questione è molto articolata e ha origini complesse ed è difficile contrastare questo fenomeno con la sola repressione”, dice sempre il nostro Sindaco Mangialardi. Non è assolutamente vero, il fenomeno lo si può tranquillamente contrastare facendo ripetuti controlli giornalieri per un certo periodo di tempo. Le città che hanno voluto eliminare questo problema così hanno fatto.

Per una Amministrazione non è difficile dire al Comandante della Polizia Municipale di controllare tutti i giorni i parcheggi facendo stazionare i Vigili Urbani in loco. Rientrerebbe nei compiti di un Sindaco che tiene alla propria città e ai Cittadini, ma questo a Senigallia non avviene.

Mettete due vigili per ogni parcheggio “incriminato” tutti i giorni per un mese, vogliamo scommettere che alla fine questi “signori” lasciano Senigallia per approdare in altre città? I Vigili non devono espellere e non devono correre dietro a nessuno, dovrebbero fare solamente presenza che, lo sappiamo tutti, sarebbe il miglior deterrente per questi abusivi.

Non servono ronde e non servono le maniere forti, servirebbe solo il buon senso e la volontà di ascoltare i Cittadini che di questo problema sono esausti, e lo hanno scritto in tutte le lingue e in tutti i posti possibili, ma nessuno li ascolta come sempre, perché, e qui torniamo all’inizio del problema, gli interessi personali di “cassa” vincono sempre sulle desiderate dei Cittadini. Tra parentesi, ci sono anche tanti stranieri in regola e con tanto di licenza per vendere. Quindi il primo gesto di "razzismo" è proprio la discriminazione di questi ultimi a favore degli abusivi.

Nuova Senigallia, se avrà l’onore di amministrare questa città, eliminerà questo fenomeno  liberando i parcheggi e la spiaggia dai fastidi che hanno raggiunto livelli inconcepibili. Stesso identico discorso per gli zingari, che tra furti e scippi imperversano nella città senza che nessuno dica o faccia qualche cosa, e si che tutti li vediamo ogni giorno aggirarsi per le vie più frequentate di Senigallia, per non parlare del giovedì, giorno di mercato, dove si radunano in massa per sfilare i portafogli a chi vorrebbe girare tranquillamente tra le bancarelle.

Quindi, l’unica verità palese sotto gli occhi di tutti è quella che a Senigallia all’Amministrazione non importa nulla contrastare questi fenomeni perché prevalgono, come sempre, gli interessi economici di alcuni, e non importa nulla della sicurezza dei Cittadini, ai quali però tra un pochino gli si faranno le consuete “richieste di voto” visto che ad aprile 2015 si voterà.

Ai Cittadini onesti, perennemente presi in giro e vessati da qualsiasi parte politica, consigliamo di leggere questo articolo (http://espresso.repubblica.it/attualita/2014/08/22/news/schiavi-italiani-pomodori-1.177474?ref=HRBZ-1#gallery-slider=1-177492), così si potrà meglio capire a chi veramente conviene far entrare tutti per lucrare sulla dignità umana e impoverire sempre di più gli italiani.

Nuova Senigallia

Torna su
AnconaToday è in caricamento