Muro sul mare, la Regione convoca tutti i Comuni il 28 giugno

Sono stati invitati tutti i rappresentanti degli enti locali costieri che dovranno subire la realizzazione del cosiddetto ‘Muro sul mare’

Tutti i sindaci

Vertice in Regione a fine mese per il ‘Muro’ di Rfi. La battaglia contro le barriere fonoassorbenti fa un altro passo in avanti dopo la lettera che il sindaco Stefania Signorini, il 20 maggio scorso, ha inviato a tutti i sindaci della costa marchigiana interessati dall’opera, per chiedere un incontro con la vicepresindente della Regione Marche Anna Casini con la partecipazione unitaria delle amministrazioni locali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alla missiva sono seguiti anche contatti telefonici con i sindaci, che hanno aderito alla richiesta del primo cittadino falconarese. Venerdì 7 giugno, dopo una telefonata tra il sindaco Signorini e la vicepresidente della Regione avvenuta nei giorni precedenti, la stessa Anna Casini ha inviato una missiva con la quale è stato convocato l’incontro per il 28 giugno. Sono stati invitati tutti i rappresentanti degli enti locali costieri che dovranno subire la realizzazione del cosiddetto ‘Muro sul mare’. 
«Ringrazio la vicepresidente Anna Casini per aver raccolto subito il mio appello. L’obiettivo – dice il sindaco Stefania Signorini – è quello di mobilitare tutti i sindaci e creare un coordinamento unico con la Regione, per dire un no univoco anche nelle sedi di livello nazionale. L'opera progettata da Rfi comporterebbe gravi danni paesaggistici e ambientali per i nostri territori, provocherebbe il deprezzamento degli immobili affacciati sul 'muro' e sottrarrebbe ai Comuni il diritto di gestione del territorio. Alla Regione chiediamo, oltre che di recepire le ragioni degli enti locali, anche di farsi parte attiva e di formulare una proposta di legge affinché vengano trovate soluzioni alternative alle barriere fonoassorbenti per ridurre la rumorosità del traffico ferroviario e il suo impatto sull’abitato». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare, mamma e papà ricoverati: bimbo di 5 anni resta completamente solo

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Contagi nelle Marche, trend in aumento: ad Ascoli si fanno più tamponi

  • Ambulanze in fila, il Pronto soccorso scoppia: a Torrette esauriti i posti letto per i Covid

  • Il Coronavirus blocca anche il paradiso: Italo, il "survivor" solitario che vive di pesca e cocco

  • Evitare il contagio durante la spesa, tutte le indicazioni dell'Istituto Superiore di Sanità

Torna su
AnconaToday è in caricamento