Mense scolastiche, Gambacorta (M5S): «Cambiare dieta e ridurre gli sprechi»

"Ci  siamo resi conto che le cose non potevano più andare avanti così perché se un pasto in una mensa arrivava a costare 6,50 quasi come quello in un ristorante, c’è qualcosa che non va" dice la grillina

Maria Ausilia Gambacorta

"I genitori ed i partecipanti al comitato di controllo mense  dal 2015 hanno iniziato a divenire cittadinanza attiva facendosi carico di controllare la qualità del cibo, gli sprechi ed i disservizi, rivolgendosi a noi del Movimento per dar voce a questa richiesta di maggior qualità nella gestione del servizio". Così la consigliera Maria Ausilia Gambacorta del Movimento 5 Stelle di Ancona torna sull'argomento mensa, ridiventato un caso a seguito del blocco di una partita di pesce dopo che i bambini delle scuole d'infanzia avevano lamentato un fortissimo odore di ammoniaca. E c'è chi ha parlato su cottura sbagliata ma i cuochi non ci stanno e rigettano ogni accusa. 

"Ci  siamo resi conto che le cose non potevano più andare avanti così - prosegue la Gambacorta - Se un pasto in una mensa arrivava a costare 6,50 quasi come quello in un ristorante, c’è qualcosa che non va. Di certo si assiste ad un  servizio che non è ben gestito dove lo spreco e la mala gestione la fa da padrone". Fatto sta che alla fine nelle cucine dei 2 punti cottura appartati da parte del Comune di Ancona, sono arrivati i biologi dell'Isitituto Zooprofolittico di Marche e Umbria per valutare il pesce. 

"Abbiamo iniziato a luglio del 2015 a sollevare la questione degli sprechi, delle sperimentazioni alimentari discutibili come la settimana iposodica, delle scelte di alimenti poco gradevoli come l’hamburger al moscardino, dell’ uso del pane che dovrebbe essere “in busta” così da poterlo riutilizzare. Ma allora ci fù una grossa resistenza , nessun cambio di passo  eppure la protesta avrebbe dovuto allertare questa amministrazione poiché ci dava la  misura del livello di insoddisfazione delle famiglie residenti nel Comune di Ancona. Quando poi la Giunta Comunale  nel 2016, in completa controtendenza con le tariffe applicate dai Comuni limitrofi che non avevano affatto aumentato le tariffe (come Camerano che chiede per la mensa 4,89 Euro compresa la merenda, Falconara 4,90 compresa la merenda, Polverigi, 340, Osimo 5,10) si è arrivati allo scontro aperto  e raccolta della petizione per bloccare l’aumento ingiustificato del costo mensa. Il bilancio 2016 venne approvato soltanto grazie all’emendamento del Sindaco costretto a rettificare le tariffe per il servizio mense. Da allora abbiamo fatto cambiare il regolamento che introduceva una maggiore collaborazione tra i genitori ed i referenti addetti, e siamo riusciti a fare inserire i test di gradimento. Ma non basta. Bisogna cambiare il metodo e comprendere che solo la qualità paga , mentre  il controllo è solo funzionale al mantenimento del sistema. Abbiamo chiesto più volte trasparenza nei conti e maggior accortezza alla qualità . Non si può prescindere in questo settore dal garantire la qualità, mentre oggi vige solo il "massimo ribasso. Sul pesce mi dicono gli addetti del settore che  il pesce se viene da lontano ha uno stoccaggio lungo e non si riesce a capire quando è stato congelato e per quanto resta in cella all’estero, non sono del settore ma questo è quanto mi hanno riferito. Forse è il caso di verificare i processi . Ricordiamoci che ci sono i bambini nel mezzo ed i nostri soldi.  Forse, mi ripeto, sono i bambini a dover gradire il cibo e bisogna introdurre una dieta che permetta loro un processo di educativo ma che tenga conto del lo piacere verso  gli alimenti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Guida l'Espresso 2020, due ristoranti anconetani tra i 10 migliori d'Italia: la classifica

  • Schianto nella notte, scooter travolto da una Harley Davidson: muore a 17 anni

  • Precipita dal 5° piano della sua palazzina, gravissima una ragazza di 20 anni

  • Addio Elia, morto a 17 anni in sella al suo scooter: una comunità intera sotto choc

  • Aggressione in piazza, donna tira varichina in faccia ad un passante: resta ustionato

  • Ratti in piazza Cavour, il Comune mette le trappole ed è strage di animali

Torna su
AnconaToday è in caricamento