Mareggiate, incontro in Regione con il Comune di Montemarciano: «Chiedere stato di emergenza»

Lo ha ribadito il presidente della Regione Luca Ceriscioli nei due distinti incontri pomeridiani avuti con gli amministratori dei Comuni di Montemarciano e Porto Sant’Elpidio

La situazione a Montemarciano

«Prioritario è segnalare tutti i danni causati dalle mareggiate, caricandoli sulla piattaforma telematica predisposta (Rendis – Repertorio nazionale degli interventi pe la difesa del suolo). Questo servirà a sostenere la richiesta dello stato di calamità ed emergenza anche per le Marche». Lo ha ribadito il presidente della Regione Luca Ceriscioli nei due distinti incontri pomeridiani avuti con gli amministratori dei Comuni di Montemarciano e Porto Sant’Elpidio che avevano chiesto di essere ricevuti. Erano presenti gli assessori regionali Angelo Sciapichetti, Manuela Bora, Fabrizio Cesetti, il consigliere regionale Enzo Giancarli, la senatrice Lucina Sbarbati (presidente Comitato dei cittadini Lido del Fratino di Montemarciano).

I fenomeni registrati nelle Marche, ha evidenziato Ceriscioli, «segnalano un innalzamento del mare attorno al metro che ha chiaramente semplificato e favorito il lavoro dell’acqua nell’invadere spiagge e stabilimenti, causando danni». Il sindaco di Montemarciano, Damiano Bartozzi, ha parlato di una situazione che «non è più emergenza, ma quasi normalità per effetto dei cambiamenti climatici. Negli ultimi dieci anni il Comune ha speso più di 722 mila euro per la difesa della costa, sostenendo oneri superiori alle proprie capacità di bilancio». Il sindaco di Porto Sant’Elpidio, Nazareno Franchellucci, ha riferito che «l’innalzamento del mare non solo ha aggravato la fragilità già evidenziata dal lungomare sud, ma ha invaso tutto il litorale cittadino, compresa la zona del centro. Gli investimenti che andranno fatti non saranno più legati alla salvaguardia degli stabilimenti balneari, ma alla tutela della pubblica incolumità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli incontri sono serviti, in particolare, anche per fare il punto sugli interventi infrastrutturali già programmati nelle due città. Ceriscioli ha anticipato che «il Piano regionale della costa andrà in Consiglio il prossimo 28 novembre o 6 dicembre. Consentirà di realizzare barriere emerse e non più le solo soffolte della vecchia programmazione. Dalla data di approvazione si potranno presentare anche i progetti per le barriere. Nel caso di Montemarciano, 12 milioni attendono un decreto del presidente del consiglio dei ministri, in dirittura d’arrivo. Per Porto Sant’Elpidio si impegna direttamente la Regione, con le prime risorse stanziate nel prossimo assestamento del bilancio. Abbiamo una coincidenza di date favorevole che consentirà di partire con gli incarichi di progettazione per realizzare non interventi tampone, ma di lunga durata, a protezione della costa. Gli impegni presi dalla Regione stanno arrivando al loro completamento».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un colpo mortale a Fiorella e 4 fendenti al marito: il killer aveva già provato ad entrare

  • Il killer della porta accanto piantonato in ospedale, aggredì anche un uomo a sprangate

  • Schianto sulla strada per Portonovo, auto contro scooter: grave una donna

  • Entra in casa di una coppia di anziani, prima ammazza lei e poi si scaglia contro il marito

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

Torna su
AnconaToday è in caricamento