Intermodal, verso il Manifesto Adriatico: «Un successo la linea 93 a chiamata»

Il prossimo 30 e 31 marzo, tutti i partner nazionali e internazionale del progetto Intermodal si vedranno ad Ancona e Jesi per portare i risultati del proprio territorio e sottoscrivere l'eventuale prosecuzione

Il Presidente di Conerobus Muzio Papaveri

«Il risultato della sperimentazione del servizio a chiamata dell’autobus messo in atto sulla linea 93 ha portato ad una diminuzione dei chilometri percorsi dal mezzo pubblico con conseguente riduzione dell’emissione del CO2 del 30%, trasportando non solo lo stesso numero di persone, ma con una importante differenza: su 3 mesi di prova, in alcuni casi, ci sono stati picchi di carico di 100 persone». E’ quanto affermato oggi dal manager e responsabile del progetto Intermodal Andrea Giacomelli ed è una delle conclusioni che Conerobus porterà sul tavolo dei lavori il prossimo 30 e 31 marzo, quando si terrà il meeting finale tra Ancona e Jesi di tutti i partner nazionali e internazionali del programma Intermodal appunto. Un programma di studio partecipativo che ha visto coinvolti società per il trasporto di altre regioni italiane e anche dalla Grecia e Albania per avviare sperimentazioni che potessero dare riscontri verso un miglioramento del modello di trasporto del pubblico (cittadini e turisti), andando oltre il semplice utilizzo del mezzo privato e valorizzando le aree turistiche e di interesse artistico - culturale. 

Conerobus ha fatto il punto sul progetto in occasione di una conferenza stampa itinerante tenutasi venerdì mattina. A bordo di un autobus, il presidente  della Conerobus Muzio Papaveri ha illustrato come ormai si sia arrivati ad un momento decisivo sul modo in cui si ripensano i servizi di trasporto pubblico: «Siamo qui perché con il progetto Intermodal dobbiamo comunicare con i nostri utenti nel modo migliore, arrivando in mezzo alla città. Perché il 30 e 31 marzo ci saranno i tavoli tecnici con le firme dei documenti ufficiali di conclusione del progetto, ma i cittadini devono vedere il risultato, vedere nuove modalità di trasporto, tramite anche delle opere d’arte».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infatti sono previste tante iniziative per quei giorni. Non solo la firma del “Manifesto Adriatico”: documento di intesa che sarà sottoscritto da tutti i partner che vorranno continuare nella progettazione sperimentale di un modello di trasporto pubblico intermodale e sostenibili. E’ anche prevista una mostra fotografica  sul tema del trasporto pubblico  realizzata dalla comunità degli Instagramers e allestita al capolinea di piazza Ugo Bassi. Infine anche la presentazione al pubblico di alcune opere di street art eseguita con la collaborazione di AnconaCrea. I murales sono in fase di esecuzione e sono realizzate da Hopnn in piazza Ugo Bassi e Yapwilli che colorerà il muro di via Giordano Bruno

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Ancona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Scattano i controlli sulle spiagge, entra senza prenotazione e viene multato

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

Torna su
AnconaToday è in caricamento