Brindisi e dibattito per l'inaugurazione della sede di Jesi in Comune

I locali di Viale della Vittoria 85/a hanno ospitato il professor Roberto Mancini, professore ordinario di Filosofia teoretica all'Università di Macerata

Tanta gente ha partecipato mercoledì sera, all’inaugurazione della sede di Jesi in Comune. I locali di Viale della Vittoria 85/a hanno ospitato il professor Roberto Mancini. Professore ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Macerata, Mancini ha affrontato con chiarezza e semplicità il tema “Il comune co-protagonista della comunità educante”, argomento inserito nel manifesto di Jesi in Comune. La politica concentrata su se stessa, lontana dalla società e intenta a vivere sul suo pianeta, al centro del dibattito che ha animato i presenti con considerazioni e domande. Una politica approssimativa, fatta più di personalità che di persone, ha come risultato una società svuotata e regolata dal denaro. Qui si inserisce il ruolo del Comune, come attore della proposta educativa da condividere e proporre alla città.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      HA CEDUTO UN MARTINETTO

    • Incidenti stradali

      Viene travolto da un furgone mentre passeggia, morto un uomo di 54 anni

    • Cronaca

      Incendio in strada, la spazzatrice va a fuoco mentre sta pulendo

    • Incidenti stradali

      Ubriaco tampona un'auto e provoca una carambola, denunciato un 23enne

    I più letti della settimana

    • Sarebbe la più grande di Ancona, ipotesi moschea e scuola coranica

    • Protesta a Torrette, Eliantonio (FdI-AN): «Vigliacco chi ha allertato i vigili»

    • Caos Ancona 1905, il sindaco Mancinelli: «La città è stata tradita»

    • I vigili rimuovono 5 teli e 2 cartelli della protesta, ma è mistero sulla segnalazione

    • Ponte crollato in A14, Fabbri: «Contraddizione fra Autostrade e Delabech»

    • Teli rimossi, il Comandante dei vigili non chiarisce: imbarazzo Pd

    Torna su
    AnconaToday è in caricamento