Erap, il commissario Meschini rinuncia all’indennità

Il titolare pro tempore dell'abitazione pubblica chiede solo il rimborso spese. Spacca: "Gesto di grande sensibilità da parte di Meschini che ringraziamo per la sua disponibilità"

Giorgio Meschini, commissario Erap

In tempo di accese polemiche sui privilegi della “casta della politica”, ogni gesto può fare la differenza per riallacciare i burrascosi rapporti tra politici e cittadini.
Ed è certamente un bel gesto quello del commissario straordinario degli Erap (Enti regionali per l’abitazione pubblica) Giorgio Meschini, che ha rinunciato all’indennità di carica chiedendo solo il rimborso spese, secondo quanto comunicato dalla Regione Marche, che ha recepito la richiesta e modificato in conseguenza la delibera di nomina.

 “Il Governo regionale ringrazia il commissario per la sensibilità dimostrata in un momento di difficoltà economica e finanziaria che la nazione sta attraversando – commenta il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – La drastica riduzione delle risorse statali alla Regione e agli Enti locali ha spinto l’amministrazione regionale a commissariare gli Erap per giungere alla costituzione di un organismo unico, in modo da recuperare risorse da destinare agli investimenti nel settore delle politiche abitative. Meschini ha colto il delicato momento che stiamo attraversando, mettendosi gratuitamente a disposizione della comunità regionale”.

Lo scorso settembre la Giunta regionale aveva nominato Meschini commissario straordinario per l’amministrazione degli Erap delle province di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata e Pesaro e Urbino.
In questa fase il commissariamento rappresenta il passaggio per giungere alla costituzione di un unico Ente regionale per l’abitazione pubblica, con un amministratore unico (il direttore regionale) e cinque articolazioni territoriali (aree vaste) coincidenti con la dimensione provinciale, così come previsto da una proposta di legge presentata all’Assemblea legislativa.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

  • Raffica di furti nei negozi, incastrato dalle telecamere: in carcere un artigiano

Torna su
AnconaToday è in caricamento