Ex Umberto I senza fine, nonostante le promesse i lavori slittano di due anni

La cittadella sanitaria era stata annunciata pronta per la primavera resta incompiuta. 5 Stelle: «Ennesima bocciatura per il sindaco»

La data di consegna dei lavori annunciata lo scorso anno in campagna elettorale sarebbe dovuta essere la primavera 2019. Adesso, più o meno. E invece per vedere finiti i lavori all’ex Umberto I ci sarà da attendere. Almeno altri due anni come richiesto dall’Asur nei giorni scorsi. Lo ha reso noto il vicesindaco Pierpaolo Sediari che lunedì ha risposto a un’interrogazione del consigliere comunale Gianluca Quacquarini del Movimento 5 Stelle. Eppure, nemmeno un anno fa, prima del voto, il sindaco Valeria Mancinelli aveva annunciato la fine dei lavori entro la primavera 2019: 70 posti letto destinati a residenza protetta per anziani, residenza sanitaria assistita e a hospice, 5 piani di ambulatori di medicina generale e specialistica. Una cittadella sanitaria in pieno centro ma anche un modo per riqualificare l’edificio abbandonato da anni. Che dovrà attendere ancora. 

«Che i lavori fossero fermi – incalza Quacquarini - ne eravamo consapevoli noi e i cittadini che giornalmente transitano per la zona. Sorprende questo rinvio anche perché quasi 3 anni fa, dopo anni di stallo e di corpose varianti, i lavori ripartirono e il sindaco disse  «non è retorica definirla giornata storica» per il futuro della città. Colpisce ulteriormente perché nel maggio 2018, in piena campagna elettorale, l'allora ricandidata Mancinelli sfilò in pompa magna nei cantieri dell'Ex Umberto I ribadendo che si era nei tempi annunciati in quella giornata storica del 2016 e che il termine era previsto era confermato nella primavera del 2019. La cosa certa finora sono gli impegni mancati e l'ennesima "bocciatura" in Storia del sindaco, che inciampa da sempre tra giornate storiche e firme storiche (vedi, Uscita ovest). Strano da una persona che ama ripetere che "le parole migliori sono i fatti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Insetti, avanzi di cibo e dipendenti in nero, arrivano i carabinieri: il ristorante chiude

  • Dramma al Salesi, muore il feto ma i medici salvano la vita della madre

  • Caos in tabaccheria per un Gratta e Vinci, scoppia una lite: arrivano i carabinieri

  • Segano le sbarre di una finestra, ladri in pasticceria: «Siamo blindati ma non basta»

Torna su
AnconaToday è in caricamento