Regionali 2015, Luca Ceriscioli: «Una Giunta composta da 3 uomini e 3 donne»

Il neo Governatore della Regione Marche mantiene l'impegno preso: la giunta sarà composta da tre uomini e tre donne. Limitato il ricorso ad assessori esterni. Cerisicioli è pronto alla sfida in Conisglio regionale con le forze politiche di opposizione

Luca Ceriscioli Presidente

Ancora senza nomi ma la Giunta regionale sarà composta da tre uomini e tre donne. Il neo Governatore della Regione Marche Luca Cerisicioli, mantiene l'impegno preso e lo ha spiegato questa mattina in una conferenza stampa all'Hotel Seeport di Ancona. Cercherà di limitare il più possibile il ricorso ad assessori esterni ma è probabile che uno di questi sarà proprio una donna. «Ho sempre lavorato con le donne e devo dire che danno qualcosa in più in termini di capacità di lavoro, di visione, danno un contributo positivo al governo - afferma Cerisicioli - Nei prossimi giorni faremo tutti i percorsi con gli alleati, guardando i territori, i risultati per realizzare questo obiettivo quanto prima e poter partire con il lavoro, con il consiglio e con la giunta per partire con le cose che vogliamo fare per le Marche».  L'aver raggiunto il 41% delle preferenze, assicura alla sua coalizione di centrosinistra il premio di maggioranza di 18 consiglieri  su 30 nel nuovo Consiglio regionale delle Marche. Luca Ceriscioli è pronto alla sfida con le forze politiche di opposizione. Per il neo governatore in queste elezioni è prevalso il voto di cambiamento.

«I marchigiani sono stati chiari con la voglia di cambiamento votando quello costruttivo del Pd e quello sbagliato di protesta e di rabbia del Movimento 5 Stelle e del Pd- commenta Cerisicoli-. Adesso sta a noi il compito di realizzarlo, non possiamo tradirli in questo. Dobbiamo anche guardare a quel 50% che non ha partecipato alle elezioni. Con un governo capace, un governo vicino possono trovare le ragioni per tornare a votare». Il Governatore intendo portare in Regione il rinnovamento con i contenuti del suo programma elettorale. Trasparenza, concretezza, meno burocrazia e attenzione ai territori sono alcuni degli obiettivi prefissati. Tra le prime cose che la giunta dovrà fare, mettere mano alla variazione di bilancio. «Quello che di buono è stato fatto finora non sarà buttato via» conclude Ceriscioli. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia fuori dalla galleria, pedone investito ed ucciso

  • Si fingono clienti, ma sono poliziotti: la squillo prende il cellulare e lo ingoia

  • Andava al circolo dagli amici, un furgone l'ha travolto: Gianni è morto così

  • L'auto sbanda e si ribalta, paura per madre e figlia: entrambe all'ospedale

  • Imprenditoria in lutto, un malore in bici gli è stato fatale: addio a Sandro Paradisi

  • Cocaina trovata dentro l'affettatrice, arrivano i sigilli: chiuso il bar della Baraccola

Torna su
AnconaToday è in caricamento