Regionali 2015, Fdi-An in cerca di un grande coalizione anti-Pd

Se la grande coalizione alternativa al Pd non sarà possibile, Fdi-An è pronta a schierare o Natali o Ciccioli. Intanto la forza di centro destra può contare sull'alleanza con la Lega Nord

"Spacca faccia un passo indietro e piuttosto indichi un candidato che possa guidare una grande coalizione alternativa al Pd e che quindi possa mettere fine alla legislatura di centrosinistra nelle Marche". Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale è chiara nella sua posizione. Preso atto della frattura tra Spacca e il Pd e della candidatura con Marche 2020,  invita il governatore della Regione a ritornare sui suoi passi e a fare il nome di un nuovo candidato affinché si possa costruire una grande coalizione.

«Sarebbe auspicabile per costruire una grande coalizione trovare un candidato nuovo, un progetto nuovo e un programma politico nuovo, chiaro e trasparente da proporre agli elettori- dichiara Giovanni Zinni, Fdi-An-. Noi non abbiamo nulla contro Spacca e Solazzi ma bisogna dare un segnale chiaro di discontinuità. Non è pensabile dare come offerta politica ai cittadini delle Marche il governatore che era comunque alleato e ha governato con il Partito democratico. La parola d'ordine è rinnovamento».

Se Spacca non dovesse rinunciare alla sua candidatura e quindi dovesse sfumare il progetto di formare una grande coalizione alternativa al Pd anche con Marche 2020, Fdi è pronta a schierare un suo candidato: o il capogruppo Giulio Natali o il portavoce regionale Carlo Ciccioli. «Se così non dovesse essere, a quel punto Fdi-an si sente libera di andare verso il suo destino naturale che è quello di essere vicini alla Lega di Salvini ma sempre con la nostra identità politica che mette al primo posto l'identità e l'unità nazionale» afferma Zinni.

Tra Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale e Lega Nord c'è già un'alleanza strategica a livello nazionale per far cercare di cadere il Governo Renzi. «Questo Governo sciagurato sta rovinando l'Italia. Ha tolto 230milioni di euro alla Regione Marche e quindi vessando ulteriormente i marchigiani non solo di più tasse ma anche di minori risorse- spiega Zinni-. Vogliamo liberare le Marche da questo sistema del partito democratico che ha sperperato tanto denaro pubblico in maniera assistenziale e clientelare». Fdi-An e Lega Nord anche a livello regionale sembrano trovarsi sulla stessa lunghezza d'onda. Entrambe vogliono formare un fronte comune di forze che si oppongano al Pd e a Renzi purché ispirato ai criteri di discontinuità e di vero rinnovamento. Resta ancora da sciogliere il nodo di Forza Italia che a quanto pare, continua a cercare l'intesa con Marche 2020. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il lungomare sommerso da acqua e detriti, danni ingenti a ristoranti e stabilimenti

  • Scoppia una cisterna, uomo travolto dall'esplosione: tragedia sfiorata in azienda

  • Insetti, avanzi di cibo e dipendenti in nero, arrivano i carabinieri: il ristorante chiude

  • Dramma al Salesi, muore il feto ma i medici salvano la vita della madre

  • Caos in tabaccheria per un Gratta e Vinci, scoppia una lite: arrivano i carabinieri

  • Segano le sbarre di una finestra, ladri in pasticceria: «Siamo blindati ma non basta»

Torna su
AnconaToday è in caricamento