Election Day, come votare in casi particolari: tutte le informazioni

Tutte le indicazioni necessarie per gli elettori che il prossimo 10 giugno non potranno recarsi alle urne, o hanno difficoltà nel farlo, a causa di impedimenti fisici

Mancano poco più di dieci giorni all’Election Day anconetano e il Comune ha diffuso sul proprio portale le informazioni necessarie per chi non potrà recarsi alle urne o ha difficoltà a farlo. 

Elettori non deambulanti 

Gli elettori non deambulanti iscritti nelle liste elettorali di sezione che si trovano in edifici non accessibili mediante sedia a ruote, possono esercitare il loro diritto di voto in un’altra sezione del Comune, appositamente attrezzata e che sia ubicata in stabile privo di barriere architettoniche (consultare l’elenco delle sezioni elettorali del Comune). Per poter esercitare il diritto di voto gli elettori debbono esibire al Presidente di Seggio, unitamente alla tessera elettorale: un’attestazione medica rilasciata dai medici dell’ ASUR Area vasta 2, anche in precedenza o per altri scopi, dalla quale risulti “l’impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione”. In alternativa la copia autentica della patente di guida speciale, rilasciata a tal fine senza il pagamento di alcun diritto. Le certficazioni potranno essere chieste gratuitamente all’Asur Area Vasta 2, che ha attivato un servizio specifico. Lo sportello sarà attivo il 7,8 e 9 giugno presso il Servizio di Medicina Legale di via Cristoforo Colombo 106, palazzina 12 dalle 10,30 alle 12. Necessario l’appuntamento, da concordare al numero 071 870 55 25.

Trasporto gratuito ai seggi 

Il servizio sarà attivo con mezzi attrezzati solo il giorno delle elezioni, il 10 giugno. Giorni e orari delle prenotazioni saranno resi noti in prossimità delle votazioni ma l’utente dovrà essere in possesso di alcuni documenti: verbale di accertamento della disabilità di cui alla L. 104/92 o, in mancanza, verbale di invalidità civile rilasciato da apposita commissione Invalidi Civili; oppure certificazione medica attestante l’impossibilità o la capacità gravemente ridotta di deambulazione per il raggiungimento del seggio elettorale. Anche questo tipo di certificazioni possono essere rilasciate gratuitamente allo sportello dell’Asur. 

Elettori con difficoltà fisiche nell’esprimere il voto 

Sono interessati i non vedenti, gli amputati delle mani, gli affetti da paralisi o da altro impedimento di analoga gravità agli arti superiori. Gli elettori possono chiedere di essere accompagnati all’interno della cabina da un altro elettore che ha volontariamente scelto come accompagnatore, purché sia iscritto nelle liste elettorali di un qualsiasi Comune della Repubblica. E’ possibile chiedere che sulla tessera elettorale venga apposto un timbro che attesta questa necessità per tutte le future chiamate alle urne. Gli interessati dovranno presentare una domanda al sindaco (reperibile sul sito del Comune), la tessera elettorale originale e la certificazione medica esplicativa dell’impedimento. Nel caso dei non vedenti sarà possibile esibire il libretto nominativo di pensione in cui è indicata la categoria “cieco civile”.

Voto domiciliare

E’ possibile inoltrare richiesta tra il 40° e 20° giorno antecedente il giorno delle elezioni, ossia fra il 1 maggio 2018 e il 21 maggio 2018. Possono essere ammessi al voto a domicilio solo gli elettori affetti da grave infermità che non consentono l’allontanamento dalla dimora anche con l’ausilio del servizio di trasporto pubblico che il Comune organizza per facilitare agli elettori disabili il raggiungimento del seggio elettorale. Gli interessati dovranno far pervenire al sindaco una dichiarazione in carta libera con un recapito telefonico, la certificazione sanitaria specifica che potrà essere rilasciata solo da un Funzionario medico designato dall’Asur Area Vasta 2, oltre alla copia della tessera elettorale. 

Voto negli ospedali e luoghi di cura

Per le elezioni comunali, i ricoverati devono essere iscritti nelle liste elettorali del Comune sede della casa di cura. Gli interessati debbono far pervenire, tramite il Direttore Amministrativo o il Segretario dell’Istituto di ricovero, all’Ufficio Elettorale del Comune di Ancona, una dichiarazione in carta libera, attestante la volontà di votare nel luogo di degenza. Per votare è inoltre necessario possedere la tessera elettorale: in caso di smarrimento, dopo apposita denuncia, l’interessato deve inoltrare richiesta di duplicato al Comune nelle cui liste elettorali risulta iscritto, delegando poi al ritiro un familiare o un convivente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Orrore davanti al mercato: uomo trovato morto in strada dopo un tragico volo

  • Rompono le recinzioni per andare al mare, la passeggiata costa cara: 400 euro a testa

  • Dati sempre più allarmanti, Marche tra le regioni con più morti e positivi al Coronavirus

  • «Vado a prestare i soldi ad un amico», i vigili gli fanno il terzo grado e lui si contraddice

Torna su
AnconaToday è in caricamento