Tassazione, area industriale e sportello europeo: Confindustria incontra i candidati sindaco

Confindustria ha incontrato i candidati sindaco in vista delle prossime elezioni a cui hanno esposto alcune tematiche di interesse del mondo industriale

Candidati a Falconara (foto d'archivio)

I rappresentanti di Confindustria Marche Nord ad Ancona hanno incontrato i candidati a sindaco del Comune di Falconara in vista delle prossime elezioni a cui hanno esposto alcune tematiche di interesse del mondo industriale.

E’ Giorgio Moretti, Presidente del Comitato territoriale anconetano, a fare il punto della situazione: «Abbiamo accettato le richieste di incontro che ci sono pervenute dai candidati a Sindaco nello spirito di apertura che ha sempre caratterizzato il nostro approccio sul territorio – ha spiegato – ovvero di equidistanza dai partiti. Quello che ci preme è portare le istanze del mondo industriale a chi avrà il compito di amministrare, nell’interesse in primisdelle aziende nostre associate e a seguire dell’intera collettività, considerando che l’industria a Falconara dà lavoro a quasi 800 persone e sviluppa un indotto di fondamentale importanza, non solo economica, per tutto l’hinterland».

Diversi dunque i temi sotto la lente, a partire dall’annosa questione della TARI. «Falconara dal 2008 ha una delle tasse sui rifiuti più alta di tutta la provincia di Ancona. Più volte abbiamo stigmatizzato il problema ma senza risultati e ancora oggi siamo qui a sottolineare ai futuri amministratori che la tassazione iniqua, anche quella locale, costituisce un ostacolo alla ripresa economica oltre a limitare l’attrattività del nostro territorio. Ecco perché chiediamo un impegno ad una maggiore razionalizzazione della spesa pubblica locale e al miglioramento della qualità dei servizi da parte delle Amministrazioni Comunali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«In secondo luogo assistiamo ad un progressivo e inesorabile degrado dell’area industriale CIAF, sia in termini di sicurezza che di decoro, per non parlare della carenza di servizi e di manutenzione» ha sottolineato Moretti indicando anche un ultimo tema che è stato portato all’attenzione dei candidati. «Abbiamo proposto di collaborare nel supportare le imprese locali in relazione all’accesso ai bandi europei: ci dicono che l’industria deve innovare e mi sento di dire senza tema di smentita che le nostre industrie lo fanno già da tempo e in maniera costante, pena l’uscita dal mercato. Un percorso fondamentale anche per la Pubblica Amministrazione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Orrore davanti al mercato: uomo trovato morto in strada dopo un tragico volo

  • Rompono le recinzioni per andare al mare, la passeggiata costa cara: 400 euro a testa

  • Dati sempre più allarmanti, Marche tra le regioni con più morti e positivi al Coronavirus

  • «Vado a prestare i soldi ad un amico», i vigili gli fanno il terzo grado e lui si contraddice

Torna su
AnconaToday è in caricamento