«Bagnanti tra onde elettromagnetiche e sversamenti»

A parlare è il candidato del centrodestra per le prossime elezioni comunali Stefano Tombolini

«Fintanto che il Comune di Ancona e l’Arpam non mi risponderanno, o meglio non renderanno conto alla città di cosa sta accadendo attorno all’antenna di Collemarino, tornerò a recitare questo mantra: ma l’antenna totem wind è stata davvero disattivata? E se non lo fosse, l’Arpam sta davvero monitorando? Del resto questi sono i più che  legittimi interrogativi che nuovamente giro alla sindaca renziana uscente». A parlare è il candidato del centrodestra per le prossime elezioni comunali Stefano Tombolini.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dopo la grancassa preelettorale con  tanto di sbandieramento della decisione assunta dal Tar delle Marche di respingere il ricorso della Wind ( la cui controffensiva legale ovviamente non si è fatta attendere)  contro il provvedimento del Comune di Ancona che revocava la concessione d’uso dell’antenna installata a Collemarino, continua ad esserci un silenzio assordante. La revoca si regge sul fatto che  l’azienda di telefonia avrebbe realizzato un plinto difforme dall’indicazione di progetto. Ho gi ricordato che quando questo verrà portato alla dimensioni previste la pratica antenna totem wind  tornerà tutta sulle spalle dei collemarinesi. E sulla loro salute, visto e considerato che comunque le onde elettromagnetiche non sono né corroboranti né ricostituenti.. Ecco perché chiedo nuovamente alla sindaca renziana di sapere se l’antenna è stata disattivata. In caso contrario  vorrei  conoscere quali siano i valori di inquinamento elettromagnetico sin qui registrati visto e considerato che nel raggio di 500 metri ci sono il nido, la materna e le elementari. Ma ci sono anche i bagnanti di Palombina chiamati a riempire un sandwich disgraziato, compressi come sono fra sversamenti in mare ed onde elettromagnetiche.  Insomma, dobbiamo sapere, la città vuol sapere se l’Arpam sta davvero  monitorando 24h24  l’area interessata. O se le elezioni stanno taumaturgicamente e paradossalmente sanando ferite mai rimarginate nell’’intera collettività». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

  • La terra torna a tremare, scossa di terremoto registrata ad Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento