Lega in piazza per lanciare una petizione, Ausili (Lega): "No allo sfratto dei negozi anconetani"

"L'amministrazione comunale minaccia di sfrattare alcune attività presenti in piazza d'Armi. Ancora la logica della grande distribuzione che calpesta le piccole attività storiche del territorio" spiega Ausili

Lo striscione al Piano

I miltanti della Lega in piazza al Piano per dire no allo sfratto delle piccole attività commerciali anconetane a favore della grande distribuzione e lanciano una raccolta firme da consegnare all'amministrazione comunale in vista delle prossime elezioni comunali. Portavoce della protesta del candidato al consiglio comunale della Lega Marco Ausili, che spiega:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'amministrazione comunale minaccia di sfrattare alcune attività presenti in piazza d'Armi. Ancora la logica della grande distribuzione che calpesta le piccole attività storiche del territorio. L'Amministrazione deve smettersela di mettere in difficoltà le attività commerciali. Attività che andrebbero invece sostenuto in ogni modo. Tanto più in un quartiere come quello del Piano. Qui sono già presenti importanti problematiche: graduale spopolamento da parte dei cittadini anconetani, situazioni di crescente degrado sociale, episodi di microcriminalità, mentre cala il valore degli immobili e la qualità della vita. Oggi abbiamo raccolto alcune persone interessate a fondare un Comitato in difesa del Piano. Come prima iniziativa lanciamo una raccolta di firme per chiedere all'Amministrazione di non mandare in fumo le attività storiche presenti e di rispettare le persone che lavorano ogni giorno in queste attività! Tanto più che i tempi per la costruzione di un nuovo supermercato sono incerti: non si sa di preciso quanto tempo passerà tra lo sgombro delle attività storiche e l'arrivo del nuovo. Vogliamo davvero continuare ad abbandonare questo quartiere già tanto in difficoltà? Queste attività storiche oltre a dare lavoro a tanti anconetani sono un formidabile presidio del territorio, nonché un elemento che attrae ogni giorno molti anconetani, fatto che ravviva un quartiere a rischio degrado. Si potrà firmare da domani in tutte le attività presenti su piazza d'Armi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio alla baia, le fiamme divorano il ristorante Spiaggia Bonetti

  • Alba di fuoco a Portonovo, ogni ipotesi aperta. Bonetti: «Una tragedia ma ripartiremo»

  • Terribile schianto in via Conca, tir perde il controllo e schiaccia un'auto

  • Piazza del Papa come un ring, volano anche bottiglie di vetro: tre giovani in ospedale

  • Spiagge libere in alto mare, un salasso: ecco tutto quello che c'è da sapere

  • Lidl continua a crescere, nuovo punto vendita ad Ancona e 6 assunzioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento