Ex Umberto I, fine lavori entro primavera e l'ambulanza torna in centro città dopo anni

Al pian terreno del padiglione, poi, verrà allestita una postazione per l’ambulanza, che, a distanza di oltre un decennio, torna in centro città

Progetto Ex-Umberto I°

Questa mattina il sindaco ricandidato ha effettuato un sopralluogo nel cantiere: «Presto una vera e propria cittadella sanitaria con servizi di cui i cittadini di Ancona hanno fortemente bisogno. Così si riqualifica una parte importante della città». 70 posti letto destinati a residenza protetta per anziani, residenza sanitaria assistita e ad hospice, ma anche cinque piani di ambulatori di medicina generale e specialistica per fornire alla città servizi sanitari potenziati rispetto a quelli attualmente offerti dal Poliambulatorio di Viale della Vittoria. Prende forma la cittadella sanitaria che l’Asur sta realizzando nei padiglioni 1 e 2 dell’ex Umberto I, con importanti novità emerse questa mattina durante un sopralluogo effettuato nel cantiere dal sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime amministrative, per verificare, insieme al direttore generale della Azienda Sanitaria Alessandro Marini e al direttore dell’Area Vasta 2 Maurizio Bevilacqua, lo stato di avanzamento dei lavori.

«Si sta procedendo rapidamente – commenta Valeria Mancinelli - per arrivare alla consegna entro la primavera del prossimo anno. Sin dall’inizio del mandato abbiamo lavorato per sbloccare lo stallo in cui si trovava il progetto, seguendo attentamente la sua realizzazione. La ristrutturazione dei due padiglioni dell’ex Umberto I riqualifica non solo una parte importante della città, ma realizza una vera e propria cittadella sanitaria con un importante ampliamento dell’offerta dei servizi sanitari territoriali e del sistema residenziale per anziani, di cui i cittadini di Ancona hanno fortemente bisogno».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Soddisfatto il direttore generale della Asur Marini: «Durante i lavori, d’intesa con il Comune, abbiamo chiesto ed ottenuto dalla Regione – spiega - l’autorizzazione a realizzare una struttura di hospice, riuscendo ad inserire in corsa otto posti letto dedicati all’accoglienza e all’assistenza dei malati terminali nelle ultime fasi di vita». All’interno del padiglione 1, che un tempo ospitava il pronto soccorso, verrà trasferito il Poliambulatorio del Viale potenziato da nuovi servizi e spazi raddoppiati. 54 ambulatori di medicina generale e specialistica saranno dislocati su 5 piani, con spazi per i trattamenti di riabilitazione e una palestra per la fisioterapia. Al pian terreno del padiglione, poi, verrà allestita una postazione per l’ambulanza, che, a distanza di oltre un decennio, torna in centro città. Le strutture residenziali per anziani e l’Hospice saranno realizzate nel padiglione 2, dove ci sarà spazio anche per gli studi di medicina generale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Orrore davanti al mercato: uomo trovato morto in strada dopo un tragico volo

  • Rompono le recinzioni per andare al mare, la passeggiata costa cara: 400 euro a testa

  • Dati sempre più allarmanti, Marche tra le regioni con più morti e positivi al Coronavirus

Torna su
AnconaToday è in caricamento