Nuovo corso Matteotti, inizia il conto alla rovescia: via asfalto e marciapiedi

Via l’asfalto, via i marciapiedi: al loro posto lastre di pietra arenaria su un unico livello che dall’incrocio con Via Mura Occidentali e fino all’incrocio con Via Mazzini, ridisegneranno il Corso in maniera assolutamente innovativa

Corso Matteotti (foto Comune di Jesi)

JESI - Ci siamo. Con l’approvazione del progetto esecutivo da parte della Giunta comunale comincia il countdown per la pavimentazione di Corso Matteotti, l’opera pubblica finanziariamente più rilevante degli ultimi anni, quella destinata a dare alla strada principale del centro la connotazione che merita, al pari di tutte le medie e grandi città italiane ed europee.

Via l’asfalto, via i marciapiedi: al loro posto lastre di pietra arenaria su un unico livello che dall’incrocio con Via Mura Occidentali e fino all’incrocio con Via Mazzini, ridisegneranno il Corso in maniera assolutamente innovativa. Di 3,6 milioni l’investimento complessivo, di cui 2,6 milioni a carico del Comune, finanziato tramite un mutuo, e un milione di spettanza a Viva Servizi per il rifacimento delle condutture idriche e fognarie sottostanti.  L’Area Servizi Finanziari sta già procedendo alla richiesta di mutuo, le cui risorse saranno nella disponibilità del Comune entro l’anno. Nel frattempo l’Area Servizi Tecnici procederà a nominare il direttore dei lavori. Dopodiché partirà la gara d’appalto per l’assegnazione dell’opera, con cantiere che sarà aperto in primavera. Sarà un cantiere in movimento per 14 mesi - il tempo stimato per terminare il tutto - con tratte di lavoro per circa 50 metri di volta in volta fino a completare i 450 metri complessivi. Già avviati i contatti con gli operatori commerciali per condividere il cronoprogramma dei lavori, ingegnerizzati in maniera tale da ridurre al minimo i disagi per tutti.

Nel progetto non sono previsti elementi di arredo (panchine, verde, nuova illuminazione, ecc.) che saranno oggetto di un intervento successivo. La pietra utilizzata, come detto, sarà la stessa di Piazza Pergolesi, ovviamente con fondo rinforzato tenendo conto che Corso Matteotti resterà carrabile nelle fasce orarie in cui è consentito il carico e scarico. Oltre al Corso saranno sistemate anche alcune traverse laterali, dove resterà comunque l’attuale selciato. Sarà interamente rimessa a nuovo Via Grizio (la stradina accanto a Bardi che arriva a Via Mura Occidentali tramite l’arco del porticello), sistemata Via Angeloni (quella che conduce alla Fondazione Colocci) e oggetto di intervento le altre vie minori che necessitano di manutenzione straordinaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Il supermercato Tuodì chiude dopo 18 mesi dall'apertura: «Troppa concorrenza»

  • La colonia di gatti sta per essere distrutta, l'appello disperato: «In 80 rischiano di morire»

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Cade fuliggine dal cielo, residenti preoccupati: arriva l'Arpam per i controlli

Torna su
AnconaToday è in caricamento