Tragedia di Corinaldo, niente minori in discoteca: meglio 16 o 18 anni?

Il senatore forzista Cangini ha depositato una proposta abbassando tuttavia il limite di età ai 16 anni: «Dibattito aperto anche agli esercenti dei locali»

Il dibattito sulla possibilità di proibire i locali da ballo dopo la mezzanotte ai minori è aperto. Nei giorni scorsi il parlamentare Andrea Cangini, eletto nelle Marche per Forza Italia, ha presentato un disegno di legge che vieta l'ingresso in discoteca dopo la mezzanotte ai minori di 16 anni. Secondo Fabio Sebastinelli, presidente regionale del Popolo della Famiglia il provvedimento «va nella direzione giusta, ma non basta». Lo stesso ha proposto i 18 anni e ha suggerito il ritorno alle discoteche pomeridiane. «Bene, ottimo spunto. Confesso che ci avevo pensato – commenta Cangini – ma continuo a ritenere più coerente con l’epoca che viviamo fissare il limite ai 16 anni anche se rimpiango anch’io i tempi in cui dai 14 ai 16 anni la “trasgressione” si svolgeva il sabato pomeriggio in una delle due o tre discoteche allora di moda. Erano orari più adatti all’età, erano ambienti più controllati. Fissare il divieto per i minori di 16/18 anni di entrare in una discoteca dopo le 20 potrebbe incoraggiare i gestori a ripristinare le aperture pomeridiane, e l’intera questione rientrerebbe d’un balzo nel solco della normalità. Del buonsenso».

«Perché non ho allora fissato questi limiti nel mio disegno di legge? - prosegue il senatore - Per due ragioni. La prima è, credo, psicologica. Non ho voluto essere considerato un pasdaran. La seconda ragione è più politica. Ritengo che in casi come questo lo spirito dei tempi debba essere contrastato, ma con equilibrio. Un passo alla volta nella direzione giusta. Non si tratta di ragioni forti, me ne rendo conto. Perciò non ho problemi a pensare di poter correggere il provvedimento. Prima di farlo, però, suggerisco di approfondire il tema. Di anticipare il lavoro che normalmente la politica svolge nelle commissioni parlamentari. Se si apre un dibattito, è giusto che vi partecipino tutti. Anche, ovviamente, gli esercenti. Non solo è giusto, è anche utile. Come utile è ribadire che nessuno intende condurre una crociata contro le discoteche in quanto tali. Credo nella libertà e nel principio di responsabilità: che gli adulti siano liberi di trascorrere il tempo dove vogliono e come meglio possono. Ma i ragazzini no. I ragazzini vanno preservati. E non solo perché non sono maggiorenni. Vanno preservati perché non hanno ancora gli strumenti per affrontare la più adulta tra le fasi della vita umana, quella notturna. Mentre hanno il diritto di vivere con pienezza le esperienze naturali della loro età. Imporgli orari e luoghi “da grandi” è innaturale, ne distorce il carattere e li espone a inutili rischi. Che aspettino di crescere. Chiarito questo, si dia il via al dibattito. Curioso di vedere dove ci spingerà».

Potrebbe interessarti

  • La pausa ideale, dove gustare i migliori 10 caffè di Ancona

  • Scarafaggi in casa, la disinfestazione può aspettare: come liberarsene da soli

  • Estate 2019, tutte le informazioni per la vacanza perfetta a Portonovo

  • “Farai la fine del ca’ de Luzi”, il detto anconetano tra leggenda e verità

I più letti della settimana

  • Luca padre di due bimbi, stroncato dalla cima-killer: si indaga per omicidio colposo

  • Un caso di febbre Dengue ad Ancona, è allerta: scatta il piano di prevenzione

  • Terribile schianto in A14, traffico bloccato: un ferito in gravissime condizioni

  • La cima si stacca dalla nave durante l'attracco, la frustata mortale uccide un portuale

  • Elisa trovata morta vicino al suo cane, l'autopsia rivela: «E' stato un malore»

  • La partita finisce in guerriglia, maxi rissa sugli spalti: pugni e bottigliate tra anconetani e sambenedettesi

Torna su
AnconaToday è in caricamento