Barriere architettoniche, realizzati due scivoli vicini agli ambulatori Asur

Sono stati realizzati due scivoli al posto di due gradini in corrispondenza degli ambulatori dell’Asur

FALCONARA - Subito al lavoro l’assessore alle Manutenzioni Romolo Cipolletti, che nella mattinata di oggi, giovedì 9 gennaio, era in via Rosselli dove erano in corso i lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Sono stati infatti realizzati due scivoli al posto di due gradini in corrispondenza degli ambulatori dell’Asur, spesso frequentati da persone con difficoltà motorie. I lavori per l’eliminazione delle barriere architettoniche proseguiranno in centro città e poi si estenderanno alle zone periferiche già individuate. Ulteriori interventi rispetto a quelli programmati saranno realizzati anche sulle base delle segnalazioni dei cittadini.

«L’abbattimento delle barriere architettoniche, oltre a rappresentare un adeguamento alle normative, rappresenta un segnale di civiltà – è il commento dell’assessore Cipolletti –. Così vengono tutelate le persone più deboli, come anziani, disabili e mamme con i bambini in passeggino. Ringrazio i tecnici e gli operai comunali per la loro professionalità e celerità». Gli interventi di rientrano nel percorso avviato da tempo per rendere il territorio accessibile a tutti. «L’attenzione all’accessibilità del territorio – ricorda il sindaco Stefania Signorini – ha visto il Comune impegnato anche in altri progetti e bandi. L’ultimo attraverso il quale Falconara ha ottenuto fondi regionali è quello per abbattere le barriere architettoniche in spiaggia e mettere a disposizione dei disabili un ausilio per entrare in acqua».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primo caso anche nelle Marche: positivo al primo test in attesa di controprova

  • Coronavirus, Marche blindate: firmata l'ordinanza

  • Coronavirus, Ceriscioli sta per blindare le Marche. Conte telefona: «Fermi tutti»

  • I carabinieri: «Apra il cofano», lui: «C'è solo un po' di fumo». Arrestato con 5 kg di droga

  • La malattia ha spento il sorriso di Carlo Termentini, lutto nell’imprenditoria

  • Coronavirus, confermato il primo caso nelle Marche: è un 30enne

Torna su
AnconaToday è in caricamento