Autovelox sulla Statale, la Lega non ci sta: «In quel punto sono irregolari»

La Lega ha attaccato la decisione della Giunta di noleggiare i due nuovi autovelox già installati sulla Statale. Il tema verrà portato in consiglio comunale

Foto di repertorio

Sono comparsi due autovelox a Falconara lungo la Statale 16 e la cosa non va giù alla Lega. Il consigliere comunale Stefano Caricchio è intervenuto sulla questione annunciando una prossima interrogazione in aula. La posizione è stata affidata a una nota stampa: “L’amministrazione (con DD N. 401 del 16/04/19 e DD N. 565 30/05/19) ha provveduto ad individuare, attraverso procedura negoziata, l'affidamento del servizio di noleggio di 2 strumenti omologati per il controllo della velocità veicolare in modalità automatica, per un costo di 77.371,08 euro. Sembrerebbe corretto se non fosse per una sentenza della suprema corte di cassazione n. 16622 del 2019 che tratta per l'appunto la “vexata quaestio” del posizionamento degli impianti fissi di rilevazione di velocità – scrive Caricchio- la sentenza ha infatti ribadito che tale tipologia di misuratori di velocità in ambito urbano possano essere installati solo sulle strade che presentano determinate caratteristiche stabilite dalla legge, ossia lungo le strade urbane a scorrimento e comunque previa autorizzazione del Prefetto; inoltre l'articolo 2 lettera d del Codice della strada stabilisce che “è strada urbana di scorrimento, quella strada a carreggiate indipendenti o separate da spartitraffico ciascuno con almeno due corsie di marcia ed una eventuale corsia riservata ai mezzi pubblici , banchina pavimentata a destra e marciapiedi”. Caricchio interrogherà la Giunta Signorini sui criteri che hanno portato al posizionamento dei due rilevatori di velocità sul tratto di strada.

L’attenzione è puntata anche sull’illuminazione: “Come la cittadinanza falconarese avrà notato, sono stati istallati alcuni impianti di illuminazione per gli attraversamenti pedonali senza un chiaro criterio nella scelta dei luoghi ed apparentemente senza una particolare attenzione per quelli statisticamente più pericolosi – prosegue la nota -si è infatti salvaguardato l’attraversamento situato davanti al centro buddista di via Marconi ma non l’attraversamento davanti al consorzio agrario di via Foscolo che ha tristemente visto due decessi negli ultimi anni. Atti non nuovi per l'amministrazione falconarese che suscitano perplessità analoghe a quelle già emerse nella scelta di una rotatoria all’incrocio via Ville - via Volta - via Barcaglione quando l’incrocio via Flaminia - via Palombina Vecchia ha visto negli anni ben più incidenti e congestioni di traffico. Il consigliere della Lega si chiede quindi secondo quali criteri logico-giuridici siano state effettuate tali scelte e si impegna ad andare a fondo su questi temi per individuare eventuali responsabilità o usi impropri di soldi pubblici”.
 

Potrebbe interessarti

  • Bagno dopo pranzo e rischio congestione, facciamo chiarezza con una tabella

  • Caldo, è il giorno di fuoco: i consigli dei farmacisti per superare l'emergenza

  • "Viagra naturale" e fonte di vitamine, ma il peperoncino può anche far male

  • Concorso Polizia Municipale, parte il corso di preparazione con prove simulate

I più letti della settimana

  • Riviera devastata e stabilimento in ginocchio: la spiaggia che non esiste più

  • Ancona sommersa: allagati negozi e abitazioni, traghetto perde gli ormeggi

  • Bomba d'acqua. Tombini saltati, alberi caduti sulle strade e allagamenti: è il caos

  • Malore in galleria, sbanda e si schianta contro un'altra auto: atterra l'eliambulanza

  • «Aiuto mi hanno violentata», choc al Passetto: soccorsa ragazza in lacrime

  • Numana post apocalittica, stabilimenti in ginocchio: «40 anni di lavoro buttati»

Torna su
AnconaToday è in caricamento