Parcheggio rovente: pochi e semplici trucchi per proteggere l'auto dal calore del sole

Parcheggiare al coperto o usare il parasole sono le prime risposte che vengono in mente, ma ci sono altri trucchi per non trovare l'abitacolo dell'auto a 40°

Abbiamo lasciato l’auto per più di un’ora sotto al sole, entriamo ed è rovente. Noi possiamo stringere i denti ed entrare lo stesso (in bocca al lupo!) ma per i bambini può essere un vero e proprio supplizio. Avete mai provato ad allacciare i piccoli al seggiolone con una temperatura nell’abitacolo che sfiora i 40°? E a toccare cambio, freno a mano o volante? Ecco allora alcuni suggerimenti per evitare il problema. 

Consigli preliminari

Il colore dell’auto

E’ scientificamente provato che una verniciatura scura attira di più il calore rispetto a una carrozzeria bianca. Certo, sul bianco si vede di più la sporcizia: è il classico gioco della coperta corta. Scegliete voi. 

Occhio al sole

Guardate dove si trova il sole al mattino e considerate che dopo mezzogiorno, molto probabilmente, si troverà dalla parte opposta della strada. Questo vale soprattutto quando si parcheggia sotto un palazzo o comunque una struttura che può far ombra. Se prevedete di lasciare in sosta la macchina per molto tempo insomma, parcheggiare al sole al mattino può essere un vantaggio per quando ripartirete. 

Lavaggio 

D’estate è consigliato lavare la macchina una volta ogni due settimane. E’ sconsigliato farlo al sole, tanto più quando la carrozzeria è calda. Il calore delle lamiere può favorire l’insorgenza di macchie. Altra buona norma è applicare una cera anti raggi UV dopo il lavaggio. 

Nel parcheggio 

Mai frontali al sole

Non c’è verso di trovare un parcheggio all’ombra e la nostra auto è destinata a stare sotto al sole. In questo caso è meglio parcheggiare tendo il lunotto posteriore rivolto al sole, anziché la parte anteriore. Non è la soluzione al problema, ma comunque un piccolo aiuto. I raggi ultravioletti risparmieranno il posto di guida. 

Parasole e copriauto

Sembra scontato, ma a volte lo si ha dietro e si dimentica di posizionarlo. Va messo tra il cruscotto e il parabrezza (parte interna dell’auto!!!) e riflette i raggi solari. Può essere acquistato per pochi euro anche da un benzinaio ben fornito di autoricambi. In alternativa ci si può attrezzare con un copriauto.

Pellicole oscuranti 

Possono essere installate anche fai da te: basta sgrassare il vetro, bagnarlo con acqua e applicare la pellicola con l’aiuto di una spatola per eliminare le bolle d’aria. 

Aria condizionata

Se non andate di fretta e potete aspettare qualche minuto, un aiuto può arrivare dal climatizzatore. Abbassare i vetri e attivare al massimo l’aria fredda può far defluire il calore accumulato. Si possono anche percorrere le prime centinaia di metri in questa condizione: il getto dell'aria fredda, aiutato dalla macchina in movimento con i vetri abbassati, spinge fuori l'aria rovente.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scoppia un maxi incendio sul lungomare, chalet devastato dalle fiamme

  • Guida l'Espresso 2020, due ristoranti anconetani tra i 10 migliori d'Italia: la classifica

  • Schianto nella notte, scooter travolto da una Harley Davidson: muore a 17 anni

  • Sequestrata la supercar dei ladri, dentro un arsenale: spallata alla banda dell'Audi scura

  • Va in overdose dietro la chiesa

  • Addio Elia, morto a 17 anni in sella al suo scooter: una comunità intera sotto choc

Torna su
AnconaToday è in caricamento