Festa dell'Albero, 2000 studenti si mobilitano: 400 piante contro la crisi climatica

Cento scuole marchigiane hanno aderito all'iniziativa promossa da Legambiente. Nella regione il 99% dei Comuni è ad alta criticità idrogeologica

Grande partecipazione delle scuole alla Festa dell'Albero

Un albero per il clima - #ChangeClimateChange. È lo slogan che ha accompagnato quest’anno la Festa dell’Albero, l’iniziativa organizzata da Legambiente che ha come scopo la piantumazione simbolica di nuovi alberi soprattutto nelle aree colpite da eventi estremi o danneggiate dalle fiamme, per portare un messaggio di impegno collettivo per mitigare gli effetti della crisi climatica, salvaguardare e valorizzare la biodiversità, proteggere il suolo dal dissesto idrogeologico e migliorare la qualità dell’aria e della vivibilità delle aree urbane. All’invito di Legambiente per celebrare la festa dell’albero hanno risposto, nelle Marche, oltre 100 classi con il coinvolgimento di circa 2000 studenti e la piantumazione di oltre 400 alberi ed essenze (fico, susino, nocciolo, nespolo, quercia, alloro, acero, leccio, ulivo, melograno, ecc). Come ogni anno, sono i circoli territoriali di Legambiente a giocare un ruolo fondamentale, organizzando iniziative in tutto il territorio, affinché questa campagna divenga un momento di mobilitazione civica diffusa e un laboratorio educativo per grandi e piccoli, con la scuola quale interlocutore privilegiato e snodo territoriale per coinvolgere anche gli altri cittadini. 

«Proteggere gli alberi significa anche difendere il territorio e le specie che lo abitano. Un impegno ancora più significativo se pensiamo alle minacce che insistono su questi territori, dal consumo di suolo al dissesto idrogeologico. – dichiara Marco Ciarulli, direttore di Legambiente Marche –. Gli alberi e le piante, infatti, se di adeguata densità, hanno la capacità di trattenere l’acqua piovana e di proteggere il suolo e il sottosuolo dall’azione distruttiva delle valanghe e degli altri fenomeni erosivi. L’azione antropica, invece, ha frequentemente annullato tutte queste funzionalità positive, eccedendo nel disboscamento e intervenendo con delle opere mal pianificate. Per questo è sempre più necessario e urgente mettere a dimora nuovi alberi e fermare il consumo di suolo, evitando di realizzare nuove costruzioni nei tratti vicino alla costa o lungo i fiumi del territorio». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle Marche il 99,6% dei comuni è ad alta criticità idrogeologica, per un totale di 955 chilometri quadrati caratterizzati da rischio frane e alluvioni (fonte: Il Rischio idrogeologico in Italia, rapporto del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare). Cambiamenti climatici, abusivismo edilizio, urbanizzazione e cementificazione selvaggia hanno comportato negli anni una compromissione della copertura vegetale sul territorio. Piantare alberi e filari arbustivi di specie autoctone, invece, rappresenta una delle strategie facilmente perseguibili per ridurre e mitigare, a basso costo, il rischio idrogeologico. 
La Festa dell’Albero viaggia sui social. Le scuole che hanno aderito in tutta Italia partecipano al percorso educativo  Scuola Sostenibile - SOS Clima, promosso da Legambiente. Le classi condividono sui social le immagini degli alberi piantati, il nome dato dalla classe, la specie di appartenenza, la localizzazione e una dedica sul perché si è deciso di piantarlo, utilizzando l’hashtag #changeclimatechange #FestadellAlbero. I principali eventi in programma sono disponibili su Change Climate Change. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nella notte: ragazzo si toglie la vita nella sua camera con una corda

  • «Lavorare così è impossibile, me ne vado». Marco chiude il bar appena inaugurato

  • Donna si rifiuta di dare i soldi al badante che lavorava per lei: lui la stupra in casa sua

  • Marche, nell'ultima settimana si abbassa l'età dei positivi :il 75% dei casi è under 35

  • Frecce tricolori ad Ancona, venerdì 29 maggio lo spettacolo nei cieli: il programma completo

  • Forte, coraggioso, veloce come il vento: addio Giuseppe, campione nella vita e nello sport

Torna su
AnconaToday è in caricamento