Legambiente su inquinamento atmosferico in città: «Usare mezzi elettrici e bici in città»

Questo il commento di Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche, sui dati Arpam relativi a Pesaro e Fano e sul tema dell’inquinamento atmosferico nelle nostre città

«Con l’arrivo dell’inverno aumenta l’inquinamento atmosferico e già Pesaro e Fano stanno per sforare il limite previsto dalla legge. L’emergenza polveri sottili nelle nostre città è sempre più cronica e a pagarne lo scotto, oltre all’ambiente, sono sempre di più i cittadini in termini di salute e di qualità di vita. La sfida ai cambiamenti climatici passa anche dalla riorganizzazione delle nostre città, a partire dal trasporto pubblico e da quello marittimo». Questo il commento di Francesca Pulcini, presidente di Legambiente Marche, sui dati Arpam relativi a Pesaro e Fano e sul tema dell’inquinamento atmosferico nelle nostre città. Legambiente Marche, negli scorsi mesi, grazie al progetto “VolontarixNatura”, ha avviato un monitoraggio delle polveri sottili negli ambienti indoor e outdoor dell’Università Politecnica delle Marche e di alcuni appartamenti di studenti universitari. L’analisi e la valutazione del monitoraggio è stata affidata al Cnr e a breve i risultati verranno resi noti dall’Associazione.

«Per contrastare in maniera efficace l’inquinamento atmosferico, è indispensabile definire una strategia antismog attraverso un modello di mobilità diverso, potenziando ulteriormente a livello regionale il trasporto sul ferro come già avvenuto sulla direttrice Ancona-Ascoli Piceno e che va nella direzione della metropolitana di superficie da noi sempre sostenuta. È urgente, inoltre, adottare politiche più decise a favore dei veicoli elettrici e su due ruote e incentivare la micromobilità elettrica e l’utilizzo dei monopattini, la cui equiparazione alle bici per le regole di circolazione su strada è stata inserita nella legge di Bilancio. Per questo chiediamo alle Istituzioni di avere coraggio e di essere coerenti e lungimiranti nelle politiche ambientali e di mobilità. Solo così è possibile innovare le nostre città, renderle più competitive, migliorare la qualità della vita dei cittadini e ridurre l’impatto dei cambiamenti climatici».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Occorre ripensare le città per le persone, non per le auto, dando ai cittadini una valida alternativa al trasporto privato. – conclude Marco Ciarulli, direttore di Legambiente Marche – Proprio grazie al progetto Volontari per natura, inoltre, intendiamo formare nuove generazioni come cittadini responsabili in grado di contribuire attivamente alla conoscenza, allo studio e alla protezione dell’ambiente e del territorio.».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

  • Addio Matteo, fortissimo guerriero: in lacrime per il giovane consulente

  • «Aiuto, lasciami, non mi toccare», le ultime parole di Fiorella prima del colpo mortale

Torna su
AnconaToday è in caricamento