Educazione ambientale, il Cea di Falconara riconosciuto per l'importante attività

La gestione del Centro ambiente e pace di Falconara, con 23 anni di attività alle spalle, è stata affidata nel dicembre scorso alla Aesis Natura

Anche il Centro Ambiente e Pace di Falconara è tra i Centri di educazione ambientale riconosciuti dalla Regione Marche, convocati nei giorni scorsi a Palazzo Leopardi per la consegna dell’attestato di riconoscimento della titolarità di Cea Regionale, a seguito di un bando selettivo. Al summit, oltre ai rappresentanti dei Centri di educazione ambientale, hanno partecipato anche gli enti di coordinamento. Si è trattato di un momento privilegiato per fare il punto della situazione sul futuro dei Centri di educazione ambientale dell’Infea Marche (Sistema di informazione, formazione ed educazione ambientale). Il Comune di Falconara Marittima, titolare del Centro Ambiente e Pace dal 1996, era rappresentato dall’assessore all’Ambiente Valentina Barchiesi, accompagnata da Laura Faccenda responsabile del Cea di Falconara. «Sono stati tanti gli spunti di riflessione scaturiti dall’incontro – dice l’assessore Barchiesi – ed è stato forte il messaggio arrivato dai gestori dei Cea di resistere ancora. Alla luce delle riduzioni consistenti dei contributi effettuate nel passato a sostegno delle attività di educazione ambientale, è importante ancora credere nella mission di educare al cambiamento degli stili di vita. La cosa più importante è proprio imparare a leggere la complessità e a farsi carico delle questioni, sentirsi responsabili di un qualche cambiamento. L’incontro si è concluso con la consegna degli attestati».

La gestione del Centro ambiente e pace di Falconara, con 23 anni di attività alle spalle, è stata affidata nel dicembre scorso alla Aesis Natura che porta avanti le attività indicate dall’amministrazione comunale. Tante le attività condotte dal Cea falconarese, che vanno dalla A di aggiornamento alla Z di zanzara tigre. «Il Centro è impegnato soprattutto nelle scuole – dice l’assessore Barchiesi – per l’educazione ambientale ai ragazzi anche attraverso escursioni, corsi di aggiornamento e consulenza agli insegnanti che si occupano di didattica ambientale, guida per l’allestimento degli orti scolastici, coordinamento del progetto Pedibus. Il Cea si occupa anche dell’organizzazione di mostre e altre iniziative aperte a tutta la cittadinanza, della predisposizione di progetti in ambito ambientale per intercettare finanziamenti, dell’organizzazione di visite guidate in aree naturalistiche. Gestisce inoltre il Centro del Riuso di via della Tecnica, dove i cittadini possono lasciare elettrodomestici e in genere oggetti ancora funzionanti per metterli a disposizione di altri cittadini, evitando il conferimento in discarica. Porta avanti infine un’attività di monitoraggio e informazione sulla zanzara tigre».

Potrebbe interessarti

  • Bagno dopo pranzo e rischio congestione, facciamo chiarezza con una tabella

  • Caldo, è il giorno di fuoco: i consigli dei farmacisti per superare l'emergenza

  • "Viagra naturale" e fonte di vitamine, ma il peperoncino può anche far male

  • Concorso Polizia Municipale, parte il corso di preparazione con prove simulate

I più letti della settimana

  • Riviera devastata e stabilimento in ginocchio: la spiaggia che non esiste più

  • Ancona sommersa: allagati negozi e abitazioni, traghetto perde gli ormeggi

  • Bomba d'acqua. Tombini saltati, alberi caduti sulle strade e allagamenti: è il caos

  • Malore in galleria, sbanda e si schianta contro un'altra auto: atterra l'eliambulanza

  • «Aiuto mi hanno violentata», choc al Passetto: soccorsa ragazza in lacrime

  • Numana post apocalittica, stabilimenti in ginocchio: «40 anni di lavoro buttati»

Torna su
AnconaToday è in caricamento