Accordo tra Inail e Università: insieme per la promozione della cultura della salute

Negli ultimi anni, l’INAIL Marche ha collaborato con alcuni singoli Dipartimenti Universitari presenti all’interno dei quattro Atenei marchigiani

Direzione regionale Marche e gli Atenei della Regione (Università Politecnica delle Marche, Università di Camerino, Università degli Studi di Macerata, Università degli Studi di Urbino) hanno sottoscritto un Protocollo di Intesa che prevede la reciproca collaborazione nel campo della promozione della cultura della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Negli ultimi anni, l’INAIL Marche ha collaborato con alcuni singoli Dipartimenti Universitari presenti all’interno dei quattro Atenei marchigiani (es.: Medicina del Lavoro, Giurisprudenza, Ingegneria, Comunicazione ed altri) al fine di realizzare specifici progetti prevenzionali. Con la sottoscrizione del suddetto Protocollo si intende costituire, invece, un sistema integrato che promuova la collaborazione tra le varie discipline universitarie e che possa fungere da supporto strategico alle attività di prevenzione negli ambienti di lavoro, utilizzando di volta in volta le diverse specializzazioni universitarie. 

Saranno, pertanto, realizzate numerose iniziative (corsi di formazione universitaria e post universitaria, tirocini, conferenze, seminari) che avranno il compito di rispondere concretamente a tutti quei bisogni inerenti la promozione della cultura della sicurezza, opportunamente individuati attraverso l’analisi delle banche dati dell’INAIL.

Potrebbe interessarti

  • Informatica applicata, parte il corso finanziato dalla Regione: come partecipare

I più letti della settimana

  • Corsi di difesa personale, come scegliere quello giusto e perché

  • Diventare pasticciere in 25 ore, nuovo corso in partenza

  • Informatica applicata, parte il corso finanziato dalla Regione: come partecipare

  • Termoidraulica, la manodopera non c'è: le aziende pescano dalle scuole

  • Il Pedibus va in vacanza, ma solo dopo la merenda di fine anno

Torna su
AnconaToday è in caricamento