Università, la Politecnica capitale dei Big Data

Oltre 260 giovani ricercatori provenienti da 44 nazioni differenti, di tutti i continenti

Nella scorsa settimana ad Ancona, presso l’Università Politecnica delle Marche, si è svolta BigDat 2020, la più importante Scuola di Dottorato al mondo sui Big Data e l’Intelligenza Artificiale. BigDat 2020 è alla sesta edizione e quest’anno, dopo l’edizione del 2018 a Timisoara (Romania) e del 2019 a Cambridge (Regno Unito), ha fatto tappa ad Ancona dal 13 al 17 gennaio. La Scuola ha visto la partecipazione di oltre 260 giovani ricercatori provenienti da 44 nazioni differenti, di tutti i continenti. A tenere le prestigiose lezioni sui Big Data e l’Intelligenza Artificiale si sono alternati 22 Professori tra i principali esperti al mondo su queste tematiche.
 
Particolarmente importanti sono state le lezioni di: Jeffrey Ullman, professore della Stanford University, considerato da molti il più grande esperto vivente di database; Jiawei Han, professore dell’Università dell’Illinois, da molti considerato il fondatore del Data Mining e il padre della Data Analytics; Charles Elkan, professore dell’Università della California a San Diego, ex principal scientist di Amazon ed ora responsabile del machine learning di Goldman Sachs; Wil van der Aalst, professore della RWTH Aachen University in Germania, padre del Process Mining, ovvero di quel campo dei Big Data che si occupa di comprendere processi complessi da dati non strutturati.
 
La settimana anconetana è stata anche un importante riconoscimento al ruolo internazionale dell’Università Politecnica delle Marche e al Gruppo di Ingegneria Informatica del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione per ciò che concerne i Big Data e l’Intelligenza Artificiale. In questi settori, infatti, il Gruppo di Ingegneria Informatica del nostro Ateneo sta ottenendo, in questi anni, numerosi riconoscimenti, sia a livello nazionale che internazionale; ultimo, in ordine di tempo, il riconoscimento, da parte di Microsoft, del premio “World Best Practice” (ovvero “Migliore Best Practice mondiale”) per il corso sul Cloud Computing, che il Gruppo organizza per gli studenti della Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica e dell’Automazione (al momento unico corso del genere in Italia) e che consente agli studenti della Politecnica iscritti a questo Corso di Laurea di ottenere gratuitamente importanti certificazioni Microsoft.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gli studenti delle Faiani si prendono cura delle fioriere del centro storico

  • La Central Saint Martins College of Art&Design di Londra arriva a Polverigi

  • Concorso agenti e ufficiali di polizia locale, lezioni di preparazione: sede e date

  • Senigallia: corso per aspiranti assaggiatori di grappa e distillati

  • Professionisti delle vacanze, selezioni all'Informagiovani del Comune di Ancona

  • Salvati e recuperati 5mila volumi della biblioteca Tamburini

Torna su
AnconaToday è in caricamento