Le scuole si sfidano sull'ambiente, punti a chi raccoglie rifiuti e ricicla

Giovedì 20 a partire dalle 17, nella biblioteca comunale di piazza Mazzini, lo studente Luca Quarchioni accoglierà bambini e ragazzi per un laboratorio di letture animate su tematiche ambientali

FALCONARA - Sono organizzati per giovedì 20 e venerdì 21 febbraio gli ultimi due appuntamenti in biblioteca del progetto di sostenibilità ambientale ‘Una bottiglia per un libro’, promosso in collaborazione con il Cea (Centro Ambiente e Pace) del Comune con il sostegno di Legambiente, Cifa Onlus e associazione Ipazia. Giovedì 20 a partire dalle 17, nella biblioteca comunale di piazza Mazzini, lo studente Luca Quarchioni accoglierà bambini e ragazzi per un laboratorio di letture animate su tematiche ambientali. Venerdì 21 alle 16 l’arteterapeuta in formazione Benedetta Ortenzio, tirocinante del Cea, sempre nella biblioteca attenderà i bimbi dagli otto anni in su per un laboratorio con il materiale di recupero donato dal Centro del Riuso.

Il progetto ‘Una bottiglia per un libro’ consiste in una sana competizione tra istituti scolastici sulle tematiche ambientali. Ogni scuola partecipante affronta infatti argomenti come la raccolta differenziata, il rispetto dell’ambiente, l’importanza della cittadinanza attiva. Gli studenti si mettono in gioco raccogliendo rifiuti in pet abbandonati in strada, in un parco o in un giardino, documentati con una foto del rifiuto nel luogo trovato. I rifiuti sono consegnati nei giorni prestabiliti alla Biblioteca Comunale per ragazzi, dove si può prendere in prestito un libro a tema ambientale. La competizione continua in classe, dove gli alunni cercano di ridurre i rifiuti che si producono a scuola (merenda, bottiglie d’acqua, ecc.) mettendo in atto strategie ‘plastic free’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con la consegna dei rifiuti plastici in Biblioteca, da parte anche dei bambini che non partecipano al progetto con la classe e anche dei cittadini,  si donano punti all’Istituto di appartenenza. Saranno premiate le classi che adotteranno, a seguito di una pianificazione, strategie che mirano a ridurre o non produrre più rifiuti in classe e che avranno accumulato punti consegnando alla Biblioteca, in cambio di un libro di lettura, i rifiuti in pet (contenitori di plastica lavati, no lattine o altro) trovati in giro per la città. E’ previsto a marzo un incontro finale dove si effettuerà la premiazione con un attestato per la classe vincitrice Plastic Free e la donazioni alle scuole di  libri per le loro biblioteche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità 2020-2021 per docenti e personale ATA: al via le domande

  • Il Garante dei diritti scrive ai presidi: «Molti bambini hanno difficoltà con didattica online»

  • Nidi e mense scolastiche, il Comune annuncia lo stop alle rette

  • Famelab Ancona il talent show della scienza, ecco i vincitori

  • I bambini dicono grazie agli "angeli bianchi", i disegni degli alunni esposti all'ospedale

  • Professor Google: arriva "insegna da casa" per la didattica a distanza

Torna su
AnconaToday è in caricamento