I bambini inaugurano il parco pubblico, piantato il nuovo albero

quest’anno la festa si è moltiplicata, sia perché ha avuto luogo nella Giornata nazionale degli alberi, sia perché si è tenuta presso il parco “Il piccolo principe” (che è stato inaugurato per l’occasione)

Una mattinata speciale, quella del 21 novembre, per le bambine e i bambini di cinque anni delle scuole dell’infanzia chiaravallesi “Mario Lodi”, “Casa dei Bambini” e “Opera Pia Cavallini”: infatti, accompagnati dalle loro maestre, hanno partecipato alla Festa dell’Albero. E quest’anno la festa si è moltiplicata, sia perché ha avuto luogo nella Giornata nazionale degli alberi, sia perché si è tenuta presso il parco “Il piccolo principe” (che è stato inaugurato per l’occasione), sia perché ha in un certo senso prolungato il significato della Giornata internazionale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, celebrata il giorno precedente – nel 30° anniversario dell’approvazione della Convenzione sui diritti dell’infanzia da parte dell’ONU – con l’adesione del Comune di Chiaravalle alla campagna “Go Blue” promossa dall’Unicef e con l’illuminazione in blu di alcuni luoghi del centro.

Appena arrivati nel piazzale limitrofo a via Mancinelli, gli alunni hanno preso parte all’intitolazione del parco, con la scopertura della targa realizzata dal talentuoso illustratore chiaravallese Paolo Masiero: una stilizzazione del protagonista della storia di Antoine de Saint-Exupéry e della sua amica volpe, seduti su un prato sotto un cielo stellato. Poi i bambini hanno assistito alla piantumazione, da parte dei giardinieri comunali, di tre alberi in altrettanti punti del parco, uno per ciascuna scuola: alberi costellati dalle foglie di carta colorata che essi stessi hanno personalizzato con i loro nomi e pensieri. Al termine, dopo un grande e variopinto girotondo, tutte le classi hanno ricevuto gli attestati di partecipazione e una copia del Diario della Festa dell’Albero. Oltre a costituire uno degli storici appuntamenti di Legambiente, l’iniziativa rientra nella settima edizione del calendario ecologico “No Impact Days - Chiaravalle a impatto zero” e nella programmazione comunale 2019-20 “Città di radici e di ali”. “In effetti – sottolinea l’Assessore alla Pubblica Istruzione Francesco Favi, presente assieme al Dirigente Scolastico dell’Istituto Comprensivo “Rita Levi-Montalcini” Lorenzo Savini – niente più del fatto che i bambini adottino degli alberi esprime la possibilità di far davvero germogliare le radici in ali, ovvero la speranza di un domani migliore per il nostro pianeta”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un centro polifunzionale nella scuola di Lollo, apre il “Future Lab Lorenzo Farinelli”

  • Il punteruolo rosso ha distrutto le palme, i bambini piantano quelle nuove

  • Occupazione dopo la scuola, due istituti premiati da Eduscopio 2019

  • Al Panzini parte il progetto Open: «Non siete il futuro, ma il presente che cambierà l’Italia»

  • Nuovo laboratorio per gli ottici di domani, taglio del nastro al Podesti - Calzecchi Onesti

  • Gli alunni del Dante Alighieri piantano la quercia del Dono Day

Torna su
AnconaToday è in caricamento