Didattica a distanza, l’Einstein Nebbia si trasferisce sul web

L'istituto ha messo in funzione una rete di didattica a distanza

Foto di repertorio

Scambio virtuale tra docenti e alunni per le lezioni all'Einstein Nebbia di Loreto ai tempi del Coronavirus. «Nella piena consapevolezza della difficile situazione in cui versa il Paese, la scuola si è mossa in fretta per garantire a tutti gli studenti strumenti utili per realizzare tutte le forme possibili di didattica a distanza – si legge in una nota diffusa dalla scuola- un lavoro d’equipe, pianificato e realizzato in pochi giorni per rispondere al rapido aggravarsi dell’emergenza coronavirus (Covid-19) su scala nazionale. La grande professionalità del personale di segreteria, degli assistenti tecnici e tutti gli ATA ha permesso di creare una grande rete per favorire l’incontro e lo scambio virtuali fra docenti e alunni per le lezioni, i compiti e le verifiche». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un ringraziamento speciale va a tutti i docenti – sottolinea Gabriele Torquati, dirigente scolastico dell’ISS Einstein-Nebbia - Si sono resi disponibili, ben oltre l’orario di lavoro, nel desiderio di accompagnare con responsabilità i ragazzi, nel rispetto degli impegni educativi assunti anche con le famiglie, malgrado lo stravolgimento dei ritmi di vita e di lavoro imposti dalle disposizioni per il contenimento dei contagi. La scuola sta garantendo un’organizzazione del lavoro agile e soprattutto rispettosa delle regole definite dal Governo per la salvaguardia della salute di tutti. La nostra comunità – conclude Torquati – sente il bisogno di ringraziare profondamente gli operatori sanitari, che senza sosta combattono in prima linea questo “nemico invisibile” mettendo a rischio la loro stessa salute. Come educatori, sta a noi fare la nostra parte nel sensibilizzare tutti i nostri ragazzi e le loro famiglie a stare a casa». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo concorso pubblico dopo l'emergenza Covid

  • Tirocini e formazione aziendale, riprendono le attività sospese dal 12 marzo

  • Open day lauree magistrali, l'Università presenta 23 corsi e alcune novità

  • “Immuni o no?”, l’app che fa discutere l'Italia in un incontro all’Università

  • La scuola marchigiana presenta il conto: «90 milioni solo per infanzia e primaria»

  • Verso l’esame di maturità: come si svolgerà la prova ai tempi del Coronavirus

Torna su
AnconaToday è in caricamento