Addio "usa e getta", all'asilo nido arrivano i pannolini lavabili: presentato il progetto

L'iniziativa tende a diminuire la produzione di rifiuti nei centri per l'infanzia. E' in fase di sperimentazione e in futuro potrebbe diventare realtà nei nido comunali

Diminuire sensibilmente la produzione di rifiuti, in linea con le politiche di sostenibilità ambientale adottate ormai da molti Comuni italiani ed europei, incrementare il benessere dei bambini e abbassare i costi per le famiglie:  sono i vantaggi di una iniziativa condotta a titolo sperimentale da un servizio per la prima infanzia  anconetano che ha promosso l' utilizzo dei pannolini tessili lavabili in sostituzione del pannolino uso e getta. Da qualche settimana, difatti, le educatrici del Centro per l'infanzia  “L'albero delle coccole”, che accoglie bimbi dai 12 mesi ai 3 anni,  stanno utilizzando per 16 di loro, previo consenso dei genitori, pannolini tessili al posto di quelli tradizionali, in adesione al progetto “Lavabile è sano!” promosso dall'assemblea Territoriale d'Ambito ATO 2 Ancona. La percentuale di rifiuto indifferenziato prodotto dalle strutture per l'infanzia, così come dalle famiglie con bambini piccoli, è costituita proprio da questa tipologia di materiale che rappresenta la frazione merceologica più presente nelle nostre discariche, nonché uno dei prodotti usa e getta maggiormente problematici nelle nostre discariche. Il progetto potrebbe essere proposto in seguito alle famiglie dei bambini che frequentano i nidi comunali, in considerazione della consistente riduzione della produzione di indifferenziata di questo tipo da parte di  tali strutture.  

Il progetto

Ad ogni bimbo che fruisce del servizio del nido, mediamente corrisponde il conferimento in discarica di almeno 3-4 pannolini al giorno,  una quantità che moltiplicata per centinaia di utenti produce un cumulo enorme di rifiuti da smaltire. Per toccare con mano la sperimentazione del pannolino riciclabile, l'assessore alle Politiche Educative Tiziana Borini ha fatto visita all'Albero delle coccole, parlando con le educatrici e prendendo visione delle modalità dell'iniziativa.  I pannolini tessili, ad ogni cambio, vengono conferiti in un contenitore di modeste dimensioni interno alla struttura e ritirati due volte la settimana da una cooperativa che svolge il servizio “lava-nolo”.  Al momento del ritiro gli incaricati  riforniscono il nido di pannolini sanificati e pronti per un nuovo utilizzo.  

A circa un mese dall'avvio della sperimentazione le famiglie che hanno aderito al progetto si dicono soddisfatte sia del grado di adattamento del loro bambino alla novità, sia del risparmio conseguito: a fronte di un modesto contributo per il nuovo tipo di pannolino lavabile, il risparmio rispetto all'acquisto dei pannolini usa e getta sembra attestarsi attorno ai 15-17 euro mensili. Il centro dove è in atto la sperimentazione si candida anche ad essere punto di smistamento per le famiglie che desiderano estendere l'utilizzo del pannolino tessile all'uso domestico:  «tenendo conto anche di questa possibilità-  spiega l'Assessore Tiziana Borini-  osserviamo con attenzione questa iniziativa sperimentale, con l'intento di proporla alle famiglie che frequentano i nidi comunali, con la consapevolezza che anche il nostro Comune non potrà non attivarsi per ridurre la produzione di rifiuti indifferenziati nei nidi, a salvaguardia dell'Ambiente».  
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un centro polifunzionale nella scuola di Lollo, apre il “Future Lab Lorenzo Farinelli”

  • Sette studenti diventano apprendisti, è record regionale per la scuola anconetana

  • Il punteruolo rosso ha distrutto le palme, i bambini piantano quelle nuove

  • Occupazione dopo la scuola, due istituti premiati da Eduscopio 2019

  • Al Panzini parte il progetto Open: «Non siete il futuro, ma il presente che cambierà l’Italia»

  • Diventare assistente odontoiatrico, requisiti di legge e corso formativo per la qualifica ASO

Torna su
AnconaToday è in caricamento