Come diventare barman, scuola alberghiera o corso professionale? Le possibilità ad Ancona

Il percorso formativo per diventare barman professionista ad Ancona e provincia

Barman non si nasce, si diventa. La predisposizione al contatto con il pubblico è il requisito fondamentale, il resto si può acquisire. Come? Il punto di partenza è la scuola superiore con la frequentazione di una scuola alberghiera seguendo l'indirizzo “servizi di sala e vendita”. In provincia, alcuni istituti sono:

Istituto “Alfredo Panzini”, via Capanna 62 (Senigallia)- Tel. 071 79111

Istituto “Einstein Nebbia”, via Abruzzo 19 (Loreto) – Tel. 071 750 7611

Seguono poi corsi di formazione professionale ad hoc. 

I corsi professionali

I corsi più conosciuti sono quelli dell’Associazione Italiana Barmen e Sostenitori (Aibes), dell’Associazione Italiana Bartender & Mixologist (Aibm), quelli organizzati dalla Federazione Italiana Barman (Fib) e quelli della Federazione Italiana Pubblici Esercizi (Fipe). Inoltre anche Province e Regioni propongono corsi di formazione mirati a fornire nozioni di base e aggiornamenti sulle tecniche più all’avanguardia in questo settore. Si parte dai corsi base dalla durata di circa 40 ore dal costo inferiore ai 1000 euro, a corsi specialistici come quello di “Miscelazione avanzata” di circa 20 ore, offerti ad un prezzo intorno ai 500 euro.

Ad Ancona 

Il 19 settembre ad Ancona partirà un corso di Barman di 1° livello, organizzato dalla Cescot in collaborazione con “Caffè Roma”.  Sarà possibile dunque anche in città imparare i segreti di una delle professioni più richieste dalle discoteche, locali, bar di qualità. Il corso ha una durata di 40 ore che includono la formazione HACCP, con necessaria per lavorare nel settore ristorazione e pubblici esercizi.

Per informazioni e iscrizioni: 071 64753 – 071 64283 cescotancona@gmail.com

Considerazioni finali 

Per valutare un corso o una scuola è importante considerare la struttura, la sua storia, il profilo professionale dei docenti e i riconoscimenti ottenuti. Importante valutare anche il livello e la qualità dei prodotti (liquori e altro) che vengono utilizzati durante le lezioni. Inoltre i corsi devono comprendere sempre anche delle esercitazioni e un affiancamento a un barman di esperienza. Non devono mancare, infine, lezioni sulla gestione di un esercizio commerciale e sul mondo dell’imprenditoria in generale (coperture assicurative, obblighi igienico-sanitari, principi di contabilità e altro ancora). Infine completa il percorso professionale di barman il superamento dell’esame di idoneità per l’attività di somministrazione di alimenti e bevande. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Università, specialisti pneumologi da tutta Italia in arrivo ad Ancona

  • Excelsior stila la classifica, le 5 lauree più richieste nel mondo del lavoro: top e flop

  • La Grecia sbarca ad Ancona, parte il corso di cultura ellenica: come prenotarsi

  • Logistica umanitaria, la Politecnica avvia il primo master in Italia: come iscriversi

  • Cercasi hacker "buoni", parte la sfida tra le università: la Politecnica avvia le selezioni

  • La scuola incontra la disabilità, concorso per 350 studenti: le scuole partecipanti

Torna su
AnconaToday è in caricamento