Arrivano gli Youth Games della Macroregione Adriatico Ionica: «Ancona capitale delle Marche»

Sono 3 i testimonial d'eccezione: Alberto Rossi (vela), Giorgia Speciale (windsurf) e Gianmarco Tamberi (atletica: salto in alto) che però sarà assente, impegnato negli allenamenti in vista dei Giochi di Rio

La presentazione dei giochi alla stampa

«Questa volta Ancona non è da sola, forte della sua identità ma consapevole di come sia con il resto della Regione. Ancona è capitale delle Marche». Così il sindaco Valeria Mancinelli ha lanciato la seconda edizione degli Youth Games della Macroregione Adriatico Ionica, ospitati dalla città dorica. Si inizia mercoledì 15 giugno, con il capoluogo dorico che ospiterà centinaia di giovani atleti (di 15 e 16 anni) provenienti dagli 8 Paesi della Macroregione:  Italia, Albania, Bosnia Erzegovina, Croazia, Grecia, Montenegro, Serbia e Slovenia. Gli Youth Games saranno soprattutto terreno e occasione di conoscenza reciproca e di scambio, di amicizia. Varie anche le delegazioni provenienti da regioni italiane in questa edizione : Abruzzo, Puglia, Umbria, Molise, Emilia Romagna, con un totale di circa 60 giovani.  E, naturalmente gli atleti anconetani, 154 nel totale, cui si affiancano 10 cestiste di Civitanova Marche.

OSPITI SPECIALI: Sono 3 campioni del mondo dorici che faranno i testimonial di questa edizione: Alberto Rossi (vela), Giorgia Speciale (windsurf) Gianmarco Tamberi (atletica: salto in alto), che però sarà assente, impegnato negli allenamenti in vista della partecipazione ai Giochi di Rio. Una grande festa dello sport e dell'amicizia che coinvolgerà tutta la città, in particolare piazza Pertini,  il Villaggio AIMYG,  punto di raduno principale sotto il gazebo, appositamente allestito per l'accoglienza, l'erogazione dei pasti e altri servizi; il Porto Antico, scenario importante e significativo che vedrà svolgersi la cerimonie di apertura e le premiazioni finali, Marina Dorica  che ospita le gare veliche e le decine di impianti sportivi dove si disputeranno le gare su terra.

L'INAUGURAZIONE. La cerimonia inaugurale prenderà il via con il grande corteo delle delegazioni degli 8 Paesi che si snoderà da piazza Pertini a partire dalle ore 18 circa attraverso le vie del centro fino al Porto Antico dove è allestito un palco sul quale si terrà il saluto delle istituzione e verrà dato il via ufficiale ai Giochi.  La Banda musicale di Torrette eseguirà gli inni nazionali.  Sempre al porto Antico la cerimonia finale, quella delle premiazioni, venerdì 17 giugno a partire dalle ore 20,00 circa.

SOLIDARIETA'. Gli Youth Games sono anche momento di condivisione. Grazie alla sinergia tra Comune di Ancona e Avis regionale saranno poste in Le donne dell'Avis impegnate nel sostenere gli touth games-3vendita felpe con il logo dei giochi il cui ricavato sarà destinato a Medici Senza Frontiere a supporto dei suoi interventi di assistenza medica alle popolazioni colpite da conflitti, epidemie, catastrofi naturali o escluse dall’assistenza sanitaria. Le felpe si potranno  prenotare all’Urp e si potranno ritirare durante i giochi negli appositi spazi allestiti da Avis Marche. Oppure si potranno acquistare direttamente. «L'impegno dell'Avis nei confronti dei giovani è forte e proprio per questo aderiamo a questa iniziativa che contribisce a sviluppare il senso di solidarietà dei ragazzi.  Collaboriamo con Medici senza frontiere con grande entusiasmo perché è importante il lavoro che stanno svolgendo nei confronti dei migranti » ha affermato Silvano Gironacci amministratore Avis regionale Marche.

LA MANCINELLI. «In questa settimana Ancona è la capitale morale della Macroregione e dell’Adriatico - ha commentato il sindaco di Ancona Valeria Mancinelli -  E’ la città che più di altre, dalla parte italiana dell’Adriatico, si è impegnata per la costruzione concreta di una rete di rapporti con l’altra parte del nostro mare. In questa settimana ad Ancona avremo i circa 1000 ragazzi dei Giochi Youth Games e anche i  rappresentanti delle 45 Camere di Commercio di 8 Paesi che stanno costruendo il loro futuro con dinamismo economico e sociale e nei prossimi anni ci sarà necessità di reciproco scambio. La scelta ufficializzata da MSC di voler fare del porto della città di Ancona il proprio ‘home port’ per l’Adriatico, dove non solo si fa scalo per i passeggeri ma si approvvigionano di prodotti per le 5/6 mila persone di ogni nave. Questo è un fatto concreto che spinge verso la crescita del porto del capoluogo, attraverso il turismo. Risorse importanti per dare nuova energia alla città. Youth games da un lato sono il risultato di quello che è stato seminato fino ad oggi (vedendo quasi 1000 ragazzi qui registriamo già il fatto che Ancona è già riconosciuta come centro fondamentale della Macroregione) dall’altro questa iniziativa è punto di arrivo ma anche di partenza perché mescola i futuri cittadini di questa macroregione».

YOUTH GAMES - COME CAMBIA LA VIABILITA' 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, l'autopsia: Maycons ucciso da una emorragia

  • Investita sulle strisce pedonali nella strada maledetta: grave una donna di 53 anni

  • Morto dopo un'operazione alla tiroide, ci sono 10 indagati tra medici e infermieri

  • «Mi ha fotografata mentre ero in bagno». Scoppia la lite al mare, arriva la polizia

  • Agguato sotto casa, accerchiato e aggredito da due uomini: uno era incappucciato

  • Tamponano un carabiniere, l'auto si ribalta: all'ospedale due donne e un neonato

Torna su
AnconaToday è in caricamento