In esclusiva al Mamamia gli intramontabili Modena City Ramblers

L’abbiamo annunciato qualche giorno fa: la stagione dei grandi concerti rock targati Mamamia sta per arrivare. Ora iniziamo a fare sul serio. Sabato 25 marzo il club più underground della regione saluta la primavera con gli intramontabili Modena City Ramblers, la band folk-rock più conosciuta d’Italia dal lontano 1991. I Ramblers arrivano al Mamamia con il loro ultimo disco “Mani come rami, ai piedi radici”, sarà quindi una grandissima occasione per i fan per ascoltare le nuovissime tracce che ben presto diventeranno delle pietre miliari della band.

A quattro anni di distanza dall'ultimo disco tornano i Modena City Ramblers con l’album: "Mani come rami, ai piedi radici", uscito il 10 marzo. Il titolo del disco riprende una strofa della stralunata "Tri bicer ed grapa", ebbra di umori balcanici e nebbie emiliane. Un titolo metaforico che ben rappresenta il sentire dei Ramblers nei confronti della vita e del loro percorso artistico: mani e rami che abbracciano, accolgono, cercano, piedi e radici che tengono ben saldi, sostengono e ricordano. La voglia di conoscere e incontrare, musicalmente di sperimentare e intrecciare stili e linguaggi. Cosa del resto frequente nella storia della band, di cui questa formazione risulta la più longeva: Dudu, Robby, Franco, Fry, Massimo, Leo e Luca suonano insieme da sette anni, hanno all’attivo cinque album e suonato in più di cinquecento concerti. Elemento rilevante di queste tredici tracce è la cifra espressiva che, rispetto al doppio cd del 2013 contenente canzoni strettamente legate a episodi di cronaca ed eventi storici, non fa riferimento a espliciti contesti o avvenimenti attuali. Resta invece tutto il mondo espressivo caro alla band, dove la poesia si accompagna alla verve istrionica del dialetto, ma anche dello spagnolo e dell'inglese.

Evocative ballate come "Mani in tasca, rami nel bosco", "A un passo verso il cielo" e "Grande fiume", dai testi profondi e ricercati o le dolci ninnananne "Angelo del mattino" - sospesa tra tradizione mediterranea e irlandese - e "Quacet putein", dove il dialetto si stende su un tappeto sonoro che profuma di bosco e venti del nord. E poi l'energia e la carica di probabili futuri anthem da pogo come le balcaniche "El senor Tex", "Welcome to Tirana" e "Ragas pin de stras", o l'allegria e la positività di "Volare controvento". C’è il ricordo di estati e amori passati nella punk-folk "Gaucho, io e te" e, infine, la ricerca di orme contaminate sia dal punto di vista musicale che testuale in "Sogneremo pecore elettriche?", che cita fin dal suo titolo l'opera di Philip Dick.

Dopo il live che promette scintille, al Mamamia si continua ovviamente a ballare con il Fresh Party, la serata in stile anni Novanta e Duemila dove scatenarsi con le hit di quegli straordinari anni. Una selection fuori di testa dai Nirvana ai Backstreet Boys, da Gigi D’Agostino fino agli Oasis vi catapulterà nel bel mezzo dei due decenni ancora vivissimi nei nostri ricordi. In sala principale dj Super Mario, Red Ranger, Pac Man, mentre in sala Open Air spazio al rock di Simone Xsky e Andrea Bartoccini. Non mancherà l’afroremember selezionata da Tium, Gianca e Jack.

Apertura porte ore 21.30, Inizio concerto ore 22.30. SERVIZIO NAVETTA GRATUITO TUTTA LA NOTTE DALLA STAZIONE DI SENIGALLIA.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Ketama126: approda al Mamamia il live senza filtri

    • 1 febbraio 2020
    • Mamamia

I più visti

  • Oliviero Toscani, in mostra le opere del grande artista: tutte le informazioni

    • dal 25 ottobre 2019 al 3 febbraio 2020
    • palazzetto baviera
  • Enrico Brignano torna al Palaprometeo con "Un'ora sola vi vorrei"

    • solo oggi
    • 18 gennaio 2020
    • PalaPrometeo
  • Le grotte a lume di candela: spettacolo soft e romantico

    • solo oggi
    • 18 gennaio 2020
    • Grotte di Camerano
  • Blackout: serata anni '80 al Rio club

    • solo oggi
    • 18 gennaio 2020
    • rio club
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    AnconaToday è in caricamento