Al via il Forum Adriatico – Ionico, quest’anno ci sono anche i giovani

Si è aperta oggi al Teatro delle Muse la Tredicesima sessione plenaria del Forum delle città dell'Adriatico e dello Ionio. Quest'anno si svolgerà per la prima volta anche il Forum dei giovani

Il forum si è aperto alle Muse

Si è aperta oggi al Teatro delle Muse la Tredicesima sessione plenaria del Forum delle città dell’Adriatico e dello Ionio, l’associazione dei comuni che si affacciano sul bacino adriatico nata ad Ancona nel 1999  con lo scopo di costruire e sviluppare l'integrazione economica, sociale, ambientale e culturale della comunità adriatica e ionica e di collaborare alla realizzazione dell'integrazione europea e del suo allargamento.
Novità di quest’anno, il contemporaneo svolgimento del Primo Forum Adriatico – Ionico dei giovani, organizzato grazie all’apporto dell’Ufficio scolastico regionale per le Marche, che discuterà come quello principale della costruzione e del significato della Macroregione Adriatico - Ionica.

Per le tre giornate di lavori – che termineranno venerdì 16 dicembre con il passaggio di testimone alla città di Pescara che ospiterà il Forum nel 2012 – sono attesi i delegati delle 51 città aderenti al Forum rappresentanti di Italia, Albania, Croazia, Montenegro,  Bosnia ed Erzegovina, Slovenia, Grecia, e un centinaio di studenti e accompagnatori che parteciperanno al Forum dei giovani e al progetto “Un mare per crescere in pace”, promosso dall’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche e dal Forum e finalizzato alla creazione di un network tra le scuole delle città del bacino Adriatico-Ionico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due i risultati attesi da questa sessione anconetana, particolarmente ricca di testimonianze e contributi di personalità di entrambe le sponde dell’Adriatico: una carta d’intenti sul ruolo che gli enti locali possono e devono svolgere per la costruzione della Macroregione Adriatico-ionica e una “carta di impegni educativi” nei confronti delle nuove generazioni, ispirata ai valori della pace, dello sviluppo sostenibile e inclusivo, nella consapevolezza di appartenere per storia, cultura, tradizioni e aspirazioni, ai territori comuni che si affacciano nel bacino Adriatico-Ionico e alla stessa casa comune europea.
La riunione della sessione plenaria avrà inizio alle 14  dopo quella del direttivo e si aprirà con un video e una serie di testimonianze lette in ricordo di Bruno Bravetti, tra i fondatori e per anni segretario generale del Forum, recentemente scomparso.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'addio a Fiorella Scarponi, al funerale anche il marito. Le figlie: «Sei il sole che splende al mattino»

  • Crisi respiratoria fatale, addio Alessia: muore a 22 anni dopo 8 giorni di agonia

  • Pauroso incidente tra 4 auto, 2 finiscono in un campo: ci sono dei feriti

  • Positivo al Coronavirus con tosse e febbre, fermato in stazione: è passato per Ancona

  • Scattano i controlli sulle spiagge, entra senza prenotazione e viene multato

  • Assunzioni al Comune di Ancona, 22 posti a concorso: domande dal 10 luglio

Torna su
AnconaToday è in caricamento