Indagine storica sull’edicola “Madonna del Carmine” pubblicata su un sito web

Il sito web raccoglie anche le storie di altre edicole, nicchie e croci, disseminate nel nostro territorio, grazie ai dati e alle informazioni raccolte nonché interviste effettuate a singoli cittadini.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AnconaToday

Le vicissitudini dell’edicola votiva stradale “Madonna del Carmine” di Castelleone di Suasa sono state raccolte da Bellagamba Franco ed ora pubblicate attraverso un sito internet raggiungibile all’indirizzo: edicoladelcarmine.suasa.it. L’edicola fu abbattuta senza alcun motivo se non quello di intralciare i lavori di realizzazione di una lottizzazione residenziale privata, con la promessa che sarebbe stata riedificata al termine dei lavori di sistemazione dell’area. Ma l’edicola scomparve ed in sua vece ne fu costruita un’altra, a circa 50 metri all’interno della lottizzazione, con una forma diversa e contenente una Madonna con Bambino. Il sito web raccoglie anche le storie di altre edicole, nicchie e croci, disseminate nel nostro territorio, grazie ai dati e alle informazioni raccolte nonché interviste effettuate a singoli cittadini. La finalità di questo lavoro è di porre l'accento sull'esigenza di salvaguardare e custodire le edicole votive stradali, poiché sono da considerarsi come veri e propri monumenti artistici, inserendo nei strumenti di pianificazione urbanistica delle norme di protezione. Anche il racconto orale merita di essere catalogato poiché è parte integrante del nostro patrimonio culturale, per riscoprire le storie di chi ci ha preceduto. Questa ricerca può essere migliorata con contributi di ulteriori dati, notizie, foto e altre informazioni che potranno essere inviate alla seguente casella di posta elettronica: edicoladelcarmine@suasa.it.

I più letti
Torna su
AnconaToday è in caricamento