Eros Ramazzotti fa il pieno, fan in delirio al PalaPrometeo: «Buon amore Ancona»

Il "Vita ce n'è Tour" non ha deluso le aspettative: un viaggio nel tempo di due ore in cui l'artista romano ha ripercorso i successi della sua trentennale carriera

Eros Ramazzotti sul palco del PalaPrometeo

Le cascate di fiori, le onde dell’oceano, i cieli stellati: il concerto di Eros Ramazzotti, in un PalaPrometeo colmo di fan, è stato il trionfo della natura, della musica, dei colori.

«Buona vita, buon amore Ancona»: così ieri sera l’artista romano ha salutato il pubblico dopo oltre due ore di concerto in cui ha sfoderato i successi di trent’anni di carriera, da brani storici come “Adesso tu”, “Terra promessa” e “Stella gemella” alle ultime hit discografiche. Ma per inaugurare la sua strabiliante performance, Eros ha scelto “Vita ce n’è”, come il titolo del suo tour. E di vita, sul palco, ce n’è stata, eccome, sia per la carica travolgente di un artista che si è concesso anche a simpatici sketch e a “passeggiate” con selfie tra il pubblico, sia per le trovate sceniche di uno show che, in quanto a giochi di luci ed effetti hi-tech con proiezioni 3D, non ha deluso le aspettative.

Un live romantico, intriso d’amore e nostalgia, capace di commuovere, trascinare più generazioni e far riflettere il pubblico con denunce forti su temi di carattere ambientale, accompagnate da immagini choc. Un concerto unico, indimenticabile. Un viaggio nel tempo che rimarrà per sempre nel cuore dei fan. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto, il centauro lotta tra la vita e la morte: si indaga sulle cause

  • Schianto sulla Cameranense, Giuliano è morto: ha donato gli organi

  • Schianto pauroso sulla Cameranense, tre i mezzi coinvolti: motociclista gravissimo

  • Investito da un'auto dopo essere uscito dal bar, è grave un uomo di 64 anni

  • Frontale tra due auto, paura per una giovane automobilista e strada chiusa

  • Malore alla guida in A14, poi l'incidente: 48enne ricoverato in gravi condizioni

Torna su
AnconaToday è in caricamento