Media: il 60% delle imprese marchigiane usa (male) i social network

Presentato alla Facoltà di Economia il primo studio del nuovo laboratorio sul web marketing NetWork Lab: il 60% delle imprese marchigiane usa i social network, "ma senza strategia unitaria"

La Facoltà di Economia “G.Fuà” dell’Università Politecnica delle Marche ha presentato oggi il suo nuovo laboratorio, “NetWork Lab”, nato dall'esperienza di un gruppo di suoi ricercatori, con lo scopo di monitorare ed analizzare i temi legati al mondo del web marketing per le imprese e condividerne le conoscenze con il mondo imprenditoriale. Con l'occasione, NetWork Lab ha introdotto due novità: il suo primo convegno, previsto domani, e un survey sull'uso dei social network da parte delle aziende marchigiane.

Oltre al convegno è stata presentata la prima indagine di NetWork Lab, finalizzata a comprendere in che misura e in che modo le aziende stanno utilizzando i social network per le proprie strategie di marketing. Oggetto di studio sono state le prime 100 imprese marchigiane della Classifica della Fondazione Aristide Merloni 2010: esse sono le aziende leader a livello marchigiano, sia per il peso che ricoprono in termini di fatturato, occupazione e valore aggiunto, sia per la posizione di leadership che rivestono nei rispettivi settori di appartenenza.

Una prima fase dell’indagine è consistita nella misurazione del grado di utilizzo dei principali social network (Facebook, Linkedin, Twitter, Youtube, corporate blog) da parte delle imprese. I risultati sono in linea con i dati che emergono a livello nazionale: il 59% delle imprese è presente in almeno un social network. La percentuale scende al 33% se si prendono in considerazione soltanto i social network “non professionali”, ovvero escludendo Linkedin. Solo un’azienda è invece presente su tutte le piattaforme considerate.
Una peculiarità delle imprese marchigiane è che, a differenza delle imprese italiane, mostrano una preferenza per Linkedin (36%), seguito da Facebook (27%); piuttosto distanziati gli altri social: Twitter (14%) e Youtube (13)%, mentre solo il 7% possiede un proprio corporate blog.

Dal punto di vista qualitativo sono emerse lacune più significative. Risulta infatti che le imprese marchigiane non hanno ancora colto a pieno le opportunità che un’efficace strategia di social media marketing potrebbe offrire, fatta eccezione per alcune realtà d'eccellenza, che si distinguono per partecipazione, capacità di coinvolgimento, ricchezza dei contenuti pubblicati.  “Il rischio - spiega il prof. Gian Luca Gregori, preside della Facoltà di Economia - è che la presenza sui social network si risolva nella mera creazione di una pagina o di un account, povera di contenuti e aggiornata raramente. Ma la politica dell’“esserci tanto per esserci” ormai non paga più”.

“Nelle numerose indagini svolte - continua il prof. Gregori, - si riscontra spesso l’assenza di una strategia unitaria che colleghi il web alle imprese. Una delle finalità di NetWorkLab è quella di continuare con il percorso che Università Politecnica sta attuando da diversi anni di collaborare sempre più in maniera operativa con le imprese del territorio, anche concretizzando opportunità di inserimento lavorativo per i nostri studenti”.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si annoda una corda al collo e si lascia andare: vigile del fuoco trovato morto in casa

  • Pizzeria a fuoco in piena notte, giallo sulle cause: chiusura forzata e danni ingenti

  • Nuovo caso di Dengue in città, scatta l'allerta: «Finestre chiuse e animali in casa»

  • E' morto Renzo Castellani: era il compagno della consigliera 5 Stelle Romina Pergolesi

  • Apre la nuova scuola di danza, Andreas e Veronica insegnanti d’eccezione

  • La mamma ritrova il suo portafoglio, dentro c'erano i documenti del figlio ricoverato al Salesi

Torna su
AnconaToday è in caricamento