Marche, artigianato ancora in crisi: chiuse quasi 4mila imprese

Da sette anni prosegue il calo delle imprese artigiane che nel 2008 erano 52.699 e alla fine del 2015 sono scese a 47.374. Dall'inizio della crisi si sono perse per strada 5.325 aziende e 15 mila posti di lavoro

Artigiano al lavoro

Marche, artigianato ancora in crisi.  Da sette anni prosegue il calo delle imprese artigiane che nel 2008 erano 52.699 e alla fine del 2015 sono scese a 47.374. Dall’inizio della crisi si sono perse per strada 5.325 aziende e 15 mila posti di lavoro. A pagarne il prezzo più alto l’edilizia e il manifatturiero, che ha lasciato sul terreno il 7,5 per cento delle imprese e visto ridursi il proprio valore aggiunto del 17,5 per cento.

Solo negli ultimi dodici mesi, secondo Cna e Confartigianato Marche, che hanno elaborato i dati Infocamere, hanno cessato l’attività 3.924 imprese a cui vanno aggiunte altre trenta aziende  cancellate d’ufficio dalle Camere di Commercio, perché prive dei requisiti per esercitare l’attività. Invece le nuove imprese artigiane sono state  solo 3.027, per un saldo negativo di 897 aziende (escluse le cancellazioni d’ufficio).

«Durante la traversata nel deserto - affermano Confartigianato e Cna Marche - abbiamo perso tanti imprenditori ma anche nel nostro mondo ci sono segni di discontinuità nel ciclo economico che ci fanno ben sperare per il futuro. Sono le imprese artigiane più piccole che ancora faticano a intercettare l’aria di ripresa e che vanno aiutati con misure concrete per rilanciare l'economia, il mercato e il sistema delle piccole e medie imprese marchigiane. In particolare occorre una diminuzione del carico fiscale sulle imprese e sul lavoro. Inoltre la  semplificazione amministrativa,  il sostegno agli investimenti nella innovazione, la tutela dei marchi nella valorizzazione del Made in Italy, la disponibilità di credito, la presenza di personale qualificato, il sostegno alla innovazione, gli incentivi al consumo, aiuti alla creazione e/o al consolidamento delle reti d’impresa.»

I Centri Studi di Cna e Confartigianato hanno analizzato l’andamento dell’artigianato nel 2015 sul territorio regionale: il risultato peggiore si è avuto nella provincia di Pesaro Urbino (-347) che ha pagato in particolare la crisi delle costruzioni che hanno perso 206 aziende. Seguono  Macerata (-203),  Ancona (-147), Fermo (-136) e Ascoli Piceno (-64).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Disaggregando i dati per macrosettori, Confartigianato e Cna fanno notare come oltre la metà del saldo negativo sia dovuto alla crisi dell’edilizia che ha visto lo scorso anno chiudere 1.430 imprese a fronte di 966 iscrizioni alle Camere di Commercio con la perdita di 464 aziende. Negativi anche i dati del manifatturiero che perde 232 imprese, soprattutto a causa del calzaturiero (-99) e delle industrie metallifere (-42). Continua a perdere colpi l’autotrasporto (-60)  mentre neanche i servizi riescono ad invertire la tendenza: quelli alle imprese calano in dodici mesi di 101 unità e quelli alla persona perdono 73 aziende di cui 53 nel commercio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Asteroide in arrivo, lo vedremo dal balcone: «Il vero spettacolo però sarà la cometa»

  • Coronavirus, facciamo chiarezza: quali sono i sintomi e come si trasmette

  • Storico macellaio e uomo generoso, Furio è morto di Covid: «Il tampone fatto troppo tardi»

  • Una passeggiata da 400 euro, primo pedone "fuori quartiere" multato dalla polizia

  • Il rubinetto diventa flussimetro per respiratori, l'invenzione dei cardiologi in un tutorial

  • La terra torna a tremare, scossa di terremoto registrata ad Ancona

Torna su
AnconaToday è in caricamento