Jesi, "No Tax Zone": boom di richieste per le agevolazioni alle nuove attività

Tante le richieste per l'iniziativa dell'Amministrazione comunale volta a sostenere le nuove attività del commercio e dell'artigianato che nascono in centro e nei borghi storici, attraverso contributi che abbattono la tassazione locale per tre anni

Forte apprezzamento e pioggia di richieste per l'iniziativa dell'Amministrazione comunale volta a sostenere le nuove attività del commercio e dell'artigianato che nascono in centro e nei borghi storici, attraverso contributi che abbattono la tassazione locale per tre anni. 

Ben 27 sono state le domande per accedere alle agevolazioni pervenute a chiusura del primo bando che prendeva in esame le attività nate nel corso del 2014. Ora gli Uffici provvederanno a nominare la commissione che dovrà verificare l'ammissibilità delle domande e stilare la relativa graduatoria, tenuto conto che i punteggi maggiori sono attribuiti alle nuova attività avviata da donne, giovani fino a 35 anni o soggetti che hanno perso lavoro. Ma, viste le risorse stanziate dal Comune - complessivamente 70 mila euro - c'è la certezza che tutte le domande regolari saranno finanziate. Il contributo, come noto, è pari a 1.500 euro.

Tale cifra è pari alla media stimata della tassazione locale per tre anni su numerose tipologie di negozi e laboratori (ad esclusione di quelli del settore alimentare o merce deperibile), comprendendo Tari, la percentuale Tasi a carico dell'inquilino e tassa pubblicità. Ne potevano beneficiare le attività presenti all'interno della “No tax zone”, come era stata definita l'area compresa tra il centro ed i borghi storici individuato dal Piano regolatore (San Giuseppe, Prato, via Roma, zona via Gramsci).
Frutto di un ampio e articolato confronto con le associazioni del commercio (Confcommercio e Confesercenti), dell'artigianato (Cgia e Cna), dell'industria (Confindustria) e con le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil, l'iniziativa intendeva dare un segnale di sostegno a quegli operatori economici che investono in questo particolare momento, con una attenzione particolare alle nuove attività di vicinato. 
Malgrado la puntuale comunicazione alla Confindustria e alla ampia pubblicizzazione del bando, non sono invece pervenute domande per i cosiddetti “bonus assunzioni” riconosciuti ai datori di lavoro dell'attività manifatturiera (3 mila euro nel triennio). 

Potrebbe interessarti

  • «Sai come se dice in Ancona?» I proverbi top del capoluogo marchigiano

  • La 5°B si ritrova 40 anni dopo la maturità: gita, ricordi e serate mondane

  • Formiche in casa? Prova con l'aglio: i rimedi naturali per allontanarle

  • Spiagge last minute a prezzi stracciati: basta un click con la startup anconetana

I più letti della settimana

  • Cellulare in bagno per copiare la versione, espulso dall'esame di maturità

  • L'invito a cena è una trappola: sequestrata in casa e stuprata

  • Chiedevano 70 euro a prestazione, scoperta la casa squillo sulla Flaminia

  • Malore fatale mentre torna a casa dal lavoro, muore accasciato sul volante

  • Scontro tra due auto e uno scooter, c’è un ferito e traffico paralizzato

  • Lo sterzo si blocca, si schianta contro un'auto e si ribalta: un ferito

Torna su
AnconaToday è in caricamento